ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Belgio: Isil rivendica attacco a Charleroi, aggressore era un cittadino algerino

euronews_icons_loading
Belgio: Isil rivendica attacco a Charleroi, aggressore era un cittadino algerino
Dimensioni di testo Aa Aa

Il 33enne algerino che ha aggredito a colpi di machete due poliziotte a Charleroi era un soldato dell’Isil. È quanto rivendica il sedicente Stato islamico attraverso la sua agenzia di stampa.

L’uomo, in Belgio dal 2012, era già stato in carcere per reati comuni, rivela la Procura che ha disposto due perquisizioni a Charleroi.

L’aggressore, che è stato ucciso da una terza agente, durante l’attacco ha urlato ‘Allah u Akbar’.

Si indaga per ‘tentativo di omicidio terroristico’, il premier Charles Michel ha tenuto una riunione dei servizi di sicurezza: “Ribadisco il messaggio che ho lanciato in precedenza, dobbiamo mantenere il sangue freddo, dobbiamo evitare il panico e non sprofondare nel terrore – ha detto il capo del governo belga in conferenza stampa – Questa è la trappola che ci è stata tesa”.

L’organismo indipendente che valuta l’imminenza della minaccia terroristica ha deciso di confermare il livello 3 attualmente in vigore, su una scala da 1 a 4.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.