ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Russia: magistratura rifiuta di spedire attivista anti-Putin in carcere

euronews_icons_loading
Russia: magistratura rifiuta di spedire attivista anti-Putin in carcere
Dimensioni di testo Aa Aa

Uno spiraglio nella lotta fra l’oppositore di Vladimir Putin, il blogger e attivista Alexej Navalny, e la magistratura. Una corte moscovita ha rifiutato di mandare l’uomo in carcere. Navalny è già stato condannato a 3 anni e mezzo, con pena sospesa, per frode. Un caso da molti considerato una rappresaglia per il suo impegno politico. Per Navalny però, questa sentenza a lui favorevole è una mezza vittoria: “Il Cremlino sogna di sbattermi in galera, ma sembra che l’opinione pubblica non glielo permetterà. Vorrei ringraziare chi mi ha sostenuto, quelle persone che non hanno permesso che il Cremlino attui i suoi piani”.

La corte ha negato la richiesta d’appello presentata dalle autorità penitenziarie che chiedevano che Navalny finisse di scontare la sua pena in carcere. Al fratello dell’attivista, Oleg, non è andata così bene. Imputato nello stesso processo, sconta la sua pena dietro le sbarre.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.