Francia: rimpasto di governo, ex primo ministro Ayrault agli Esteri

Francia: rimpasto di governo, ex primo ministro Ayrault agli Esteri
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Francia è stato completato il rimpasto di governo con l’ex primo ministro Jean Marc Ayrault agli Esteri, al posto di Laurent Fabius. Ayrault – che

PUBBLICITÀ

In Francia è stato completato il rimpasto di governo con l’ex primo ministro Jean Marc Ayrault agli Esteri, al posto di Laurent Fabius.

Ayrault – che conosce molto bene le questioni europee e i rapporti franco-tedeschi come sottolinea l’Eliseo – lavorerà con Manuel Valls, il primo ministro che gli succedette nel 2014 dopo la sconfitta dei socialisti alle amministrative. Valls fu ministro dell’Interno sotto Ayrault.

Tornano al governo i verdi, con tre incarichi: Emanuelle Cosse, segretaria di Europa Ecologia, è il nuovo ministro degli Alloggi. Ma il partito si è dissociato, giudicando la politica del governo incompatibile con i propri orientamenti.

In tv il presidente Hollande ha spiegato i suoi obiettivi: “Ho assegnato al governo tre grandi priorità. La prima è proteggere i francesi, avete notato senz’altro che i ministri che si occupano della sicurezza sono stati mantenuti e anche rafforzati. Voglio che la seconda priorità sia l’occupazione, infine c‘è la priorità legata alla firma dell’accordo della Cop21, ossia l’ecologia, l’ambiente”.

Un rimpasto che arriva dopo l’approvazione della revoca della nazionalità nell’assemblea nazionale, questione che ha evidenziato le divisioni nella maggioranza. Con il rimpasto Hollande pensa di allargare la base politica a poco più di un anno dalle prossime presidenziali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: Laurent Fabius lascia gli Esteri, presto rimpasto di governo

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano

Francia e Regno Unito festeggiano 120 anni di cooperazione: simbolici cambi della guardia congiunti