EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Turchia: l'Onu chiede un'indagine sui proiettili contro i civili di Cizre

Turchia: l'Onu chiede un'indagine sui proiettili contro i civili di Cizre
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le Nazioni Unite chiedono alla Turchia un’indagine indipendente, imparziale e approfondita sulla presunta esecuzione a Cizre di una decina di persone

PUBBLICITÀ

Le Nazioni Unite chiedono alla Turchia un’indagine indipendente, imparziale e approfondita sulla presunta esecuzione a Cizre di una decina di persone disarmate rimaste ferite. Il fatto è avvenuto il 20 gennaio nella città di 120mila abitanti nel sud-est della Turchia, regione a maggioranza curda.

“Sollecito le autorità turche a rispettare i diritti fondamentali dei civili durante le sue operazioni di sicurezza e di indagare tempestivamente il presunto tentativo di omicidio di un gruppo di persone inermi nella città del sud-est di Cizre”, dichiarato l’Alto commissario per i diritti umani dell’Onu Zeid Ra’ad al-Hussein.

La presunta esecuzione è stata filmata da video, definito “estremamente scioccante”, dall’Alto commissario per i diritti umani dell’Onu Zeid Ra’ad al-Hussein. Nelle immagini si vede un gruppo di civili disarmati, un uomo sventola una bandiera bianca, su un carretto sono trasportati dei corpi che sembrano senza vita.

Sul gruppo, controllato a distanza da un mezzo militare, esplode improvvisamente una pioggia di proiettili. “Filmare un’atrocità non è un crimine ma uccidere civili disarmati di certo lo è”, ha detto l’Alto commissario per i diritti umani dell’Onu che teme che il cameraman, rimasto ferito, venga arrestato quando lascerà l’ospedale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia: Erdogan allenta il disegno di legge contro i cani randagi, 4mila a rischio soppressione

Cipro, cinquant' anni dopo l'invasione turca del 1974 che portò alla spartizione del Paese

Gaza: riapre l'ospedale al-Ahli, gli Stati Uniti chiudono il molo galleggiante