ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le catastrofi naturali del 2015

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Le catastrofi naturali del 2015
Dimensioni di testo Aa Aa

- Nel 2015 più vittime, ma meno danni

- Sono 23.000 le vittime dei disastri naturali nel 2015, contro le 7.700 del 2014. Un dato impressionante, ma comunque inferiore alla media degli ultimi 30 anni (54.000)

- La peggiore catastrofe dell’anno è stato il terremoto in Nepal, con 9.000 vittime accertate. Segue l’ondata di caldo in India e Pakistan tra maggio e giugno, con 3.670 vittime e in Europa questa estate, dove i morti sono stati 1.250

- L’ammontare dei danni provocati dalle catastrofi naturali è equivalente a 82 miliardi di euro, la cifra più bassa dal 2009. Nel 2014 si calcolarono 100 miliardi di euro e la media annuale degli ultimi 30 anni è equivalente a 120 miliardi di euro

- Per la prima volta sono stati registrati oltre 1.000 eventi, un dato perennemente in crescita a causa della diffusione di internet e dell’uso delle telecomunicazioni

- Gli scienziati evidenziano la presenza di El Niño, che blocca la formazione di uragani nel Nord Atlantico. Quest’anno El Niño è stato particolarmente rilevante, portando forti ondate di calore e di siccità. Le più importanti tempeste tropicali nel 2015 si sono scatenate in luoghi scarsamente popolati

- Nella relazione si avverte che El Nino potrebbe invertire i suoi effetti nel 2016 trasformandosi in La Niña che potrebbe portare alla formazione di uragani nell’Atlantico occidentale

- Solo 27 miliardi su 90 di danni erano coperti da assicurazione – per lo più nei paesi occidentali – Per esempio, in Nepal solo 210 milioni su 4,8 miliardi di euro di danni erano assicurati

- Il 94% delle catastrofi naturali rilevanti erano legati al clima

- Gli effetti provocati dal riscaldamento globale sono aumentati. Le inondazioni nel nord dell’Inghilterra causate della tempesta Eva sono costate circa 1 miliardo di euro.