Corea Nord: religioso canadese condannato all'ergastolo per spionaggio

Corea Nord: religioso canadese condannato all'ergastolo per spionaggio
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La magistratura della Corea del Nord ha condannato ai lavori forzati da scontare fino alla fine dei suoi giorni, un religioso di nazionalità

PUBBLICITÀ

La magistratura della Corea del Nord ha condannato ai lavori forzati da scontare fino alla fine dei suoi giorni, un religioso di nazionalità canadese, ma di origini nordcoreane.

Era nel paese da gennaio e avrebbe realizzato attività sovversive, questa l’accusa, contro il regime di Kim Jong Un.

Il religioso, un uomo di circa sessant’anni, in luglio aveva ammesso le sue colpe in una conferenza stampa pubblica, ma è almeno lecito pensare che la confessione sia stata indotta.

Lim Hyeon-soo, questo il nome del condannato, è un pastore protestante, lavorava in una diocesi di Toronto ed è arrivato a Pyongiang a inizio anno, ma di lui si erano perse le tracce da mesi. La famiglia continua ad affermare che era nel paese per aiutare i più poveri, ma la magistratura non gli ha creduto. È, assieme ad altre tre sudcoreani accusati di spionaggio, l’unico prigioniero straniero condannato a una pena del genere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Corea del Nord: Kim testa un drone nucleare sottomarino

In Ucraina mille città senza elettricità, Kiev contrattacca con i droni: uccisa una donna in Russia

Corea del Nord spara colpi di artiglieria verso il Sud, Seoul: "Una provocazione"