EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Schulz in visita a Teheran: "L'Europa attende ancora risposte"

Schulz in visita a Teheran: "L'Europa attende ancora risposte"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Migliorare i rapporti fra Iran e Unione Europea. È questo l’obiettivo della visita del presidente dell’assemblea comunitaria., il tedesco Martin

PUBBLICITÀ

Migliorare i rapporti fra Iran e Unione Europea. È questo l’obiettivo della visita del presidente dell’assemblea comunitaria., il tedesco Martin Schulz che si è recato a Teheran per incontrare il presidente Hasan Rohani, il ministro degli esteri Jawad Zarif e il suo omologo, presidente del parlamento nazionale Ali Lariyani che non ha nascosto la sua soddisfazione dopo l’incontro con Schulz.

Così Lariyani: “Si è trattato di un buon negoziato per il miglioramento dei rapporti fra Iran ed Europa in materia economica. Abbiamo anche condotto un dialogo costruttivo sui problemi regionali più importanti: il terrorismo e la crisi”.

Martin Schulz: “Spero che il dialogo continui”, ha agggiunto Schulz, “abbiamo ancora un certo numero di domande che vorrebbero risposta: sulla Siria, la stabilità nella regione, sul gruppo cosiddetto Stato Islamico, l’Isil, sulla situazione in Afghanistan e sulla lotta al traffico di droga. Abbiamo anche parlato di diritti umani, pena di morte e abbiamo nuove opportunità per un dialogo tollerante”.

La visita di Schulz arriva dopo l’accordo raggiunto lo scorso 15 luglio a Vienna con le potenze internazionali sul nucleare civile iraniano e sulle limitazioni imposte a Teheran.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, Netanyahu: "Non accettiamo le richieste di Hamas, riprenderà il controllo della Striscia"

Gaza: "La guerra continua" dice Netanyahu ai senatori Usa, Israele stima 28mila morti nella Striscia

Paesi Bassi, falliscono i colloqui per formare un governo di estrema destra