ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia dopo Bugün tv altri media potrebbero finire sotto la scure del presidente Erdogan

Lettura in corso:

Turchia dopo Bugün tv altri media potrebbero finire sotto la scure del presidente Erdogan

Turchia dopo Bugün tv altri media potrebbero finire sotto la scure del presidente Erdogan
Dimensioni di testo Aa Aa

Sempre più serrato il giro di vite in Turchia contro i media considerati critici verso il presidente Recep Tayip Erdogan.

A finire nel mirino prima il canale tv della Holding Koza Ipek, Bugün Tv, molto vicina a un ex alleato ed ora avversario feroce di Erdogan. Prima è stato ordinato a Türksat di spegnere il segnale e poi la polizia è entrata in redazione interrompendo le trasmissioni.

Anche ufficialmente i motivi del gesto non sono chiari. Settimane fa il presidente aveva accusato il gruppo vicino a Fetullah Gülen, rifugiato negli Stati Uniti, di apologia di terrorismo. Oggi si parla di un intervento a fronte di non precisati crimini finanziari. La direzione è stata decapitata e nel mirino adesso rischiano di finire altri media importanti come CNN Turchia, del gruppo Dogan e Cumhuriyet, uno dei quotidiani di riferimento del paese.

Stavolta Erdogan non vuole lasciare nulla al caso. Negli ultimi 25 giorni il 90% delle trasmissioni dal vivo della tv di Stato Trt sono state dedicate al presidente o al suo partito Akp (59 ore su 66), lasciando le briciole all’opposizione e appena 18 minuti al partito filo-curdo Hdp, che resta l’ago della bilancia. Superando ancora la soglia record di sbarramento al 10% e scompaginando gli equilibri parlamentari a svantaggio di Erdogan.