EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Israele: accordo sulla spianata delle moschee, ma prosegue "Intifada dei coltelli"

Israele: accordo sulla spianata delle moschee, ma prosegue "Intifada dei coltelli"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Malgrado l’intesa raggiunta fra Israele e Giordania sullo status quo della Spianata delle moschee nella Città Vecchia di Gerusalemme non si placano

PUBBLICITÀ

Malgrado l’intesa raggiunta fra Israele e Giordania sullo status quo della Spianata delle moschee nella Città Vecchia di Gerusalemme non si placano le tensioni fra israeliani e palestini. Tensioni che Hamas è arrivata a definire terza Intifada, dei coltelli.

L’intesa ruota attorno al posizionamento di un sistema di telecamere 24 ore su 24 che riprendano quanto avviene sulla Spianata. La regola stabilita fra Israele e Giordania nel 1967 e ribadita nella pace del 1994 si riassume così: i musulmani vi pregano e i non-musulmani lo visitano.

Le telecamere hanno sempre ripreso solo ciò che avviene fuori, non dentro le moschee di Omar e Al Aqsa. I palestinesi invece temono che si tratti di un trucco per identificare gli attivisti e poterli arrestare.

La situazione sul terreno prosegue con continui confronti e vittime. Da inizio ottobre almeno 58 sono stati i morti palestinesi e una decina gli israeliani accoltellati o feriti in aggressioni. Il premier israeliano Netanyahu minaccia di limitare il diritto di movimento degli abitanti di Gerusalemme est, di etnia araba.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, Benny Gantz si dimette dal governo e chiede nuove elezioni

Israele: proteste contro Netanyahu, diversi arresti

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv