ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caos migranti in Croazia. Tensioni al confine con la Serbia

Caos migranti in Croazia. Tensioni al confine con la Serbia
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli accessi all’Europa Occidentale che si chiudono uno dopo l’altro fanno convergere folla e tensioni ai sempre più rari valichi di frontiera, che ancora restano aperti. Fra i 2.000 e i 3.000 i migranti arrivati alle prime ore di martedì, nel centro di registrazione che le autorità croate hanno da pochi giorni aperto a Opatovac, lungo il confine serbo. La polizia ha dovuto alzare i toni, per contenere la folla, esasperata da freddo, fame e lunga marcia notturna.

Uno dei nuovi arrivati, che si presenta come Mohammed, lamenta disorganizzazione e povertà dei mezzi. “In Grecia, Macedonia e Serbia c‘è almeno la Croce Rossa che distribuisce le coperte – dice -. Qui invece non c‘è davvero niente”.

Più di 30.000, secondo il Ministro degli interni croato, gli arrivi registratisi soltanto la scorsa settimana. Un flusso a cui le autorità hanno risposto non solo chiudendo la quasi totalità dei posti di frontiera, ma anche bloccando l’accesso ai mezzi pesanti in transito sulla Belgrado-Zagabria, il principale asse autostradale che collega il paese alla Serbia. Una misura a cui il sempre più indispettito vicino, valuta proprio oggi se rispondere con delle contromisure.