EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Francia: giornalisti accusati di ricatto, libro su Mohammed VI non sarà pubblicato

Francia: giornalisti accusati di ricatto, libro su Mohammed VI non sarà pubblicato
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Non sarà pubblicato il libro dei giornalisti francesi accusati di aver ricattato il re del Marocco. Una vicenda, quella di Eric Laurent e Catherine

PUBBLICITÀ

Non sarà pubblicato il libro dei giornalisti francesi accusati di aver ricattato il re del Marocco.

Una vicenda, quella di Eric Laurent e Catherine Graciet, diventata un caso giudiziario. Secondo i legali di Mohammed VI, i due – attualmente sotto inchiesta – avrebbero tentato di estorcere due milioni di euro per non pubblicare parte del libro sul sovrano.

“L’accordo, che è una transazione privata, è affar mio. È il mio libro e ci posso fare quello che voglio. Mi dispiace, ma non è una proprietà pubblica – si difende Eric Laurent – La parte avversa ha trasformato questa transazione privata in quello che chiamano un ricatto o un tentativo di ricatto. Ma questo è assurdo”.

“Lei viene a minacciarmi una domenica. Mi dice che martedì passerà da casa mia. Lunedì presento una denuncia e chiedo l’intervento della polizia – spiega Eric Dupont-Moretti, rappresentante legale del re – Questa è una trappola?”

Gli autori avrebbero accettato un acconto di 40.000 euro ciascuno dall’avvocato del re, il quale sostiene di aver registrato il passaggio di denaro.

Le accuse contro i due giornalisti sono ricatto ed estorsione. Dopo la denuncia degli avvocati di Mohammed VI, sono stati fermati e poi messi in libertà vigilata in attesa del processo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dietro le quinte del Trofeo Hassan II, il torneo di golf più famoso del Marocco

Mondiali di calcio 2030, un'opportunità per il turismo in Marocco

Marocco, continua la ricerca di sopravvissuti dopo il terremoto