Siria e Iraq, emergenza rifugiati

Siria e Iraq, emergenza rifugiati
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L’emergenza umanitaria scatenata dall’autoproclamato Stato Islamico è gigantesca. Un appello alla comunità internazionale per un maggiore impegno

PUBBLICITÀ

L’emergenza umanitaria scatenata dall’autoproclamato Stato Islamico è gigantesca. Un appello alla comunità internazionale per un maggiore impegno viene dal Forum economico mondiale per il Medio Oriente e il Nord Africa che si svolge in Giordania. L’Alto Commissario dell’Onu prer i rifugiati descrive la situazione.

“Penso che nel mondo non ci sia sufficiente consapevolezza del dramma a cui stiamo assistendo – dice Antonio Guterres -. Ci sono attualmente 4 milioni di rifugiati siriani, ma se si considerano Siria e Iraq insieme si contano circa 15 milioni di persone che hanno dovuto abbandonare le loro case e molte di loro vivono in assoluta miseria”.

Il campo di Zaatari a Mafraq, in Giordania, è stato aperto nel 2012 ed ospita attualmente circa 85 mila rifugiati.

“I problemi più grossi qui a Zaatari sono l’acqua e l’elettricità – dice Abu Eissa, un rifugiato -. Per qualche tempo i servizi sono stati forniti. Ma l’elettricità è mancata per cinque o sei mesi. Ci sono persone che soffrono di asma, qui c‘è molta polvere e ci sono tempeste di sabbia. Tutti viviamo in condizione di pericolo”.

Gli aiuti forniti attualmente dalla comunità internazionale per affrontare questa crisi umanitaria non sono sufficienti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iraq, attacco contro una base militare: un morto e otto feriti

Guerra in Ucraina, Mosca dichiara agente straniero un giornalista della Bbc

Libano: quattro feriti dopo un bombardamento, Onu avvia un'indagine