EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Popolazione in fuga da Ramadi. Isis prepara difesa città

Popolazione in fuga da Ramadi. Isis prepara difesa città
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

È un esodo che riguarda 25.000 persone, quelle in fuga da Ramadi secondo le Nazioni Unite. L’esercito iracheno e le milizie sciite cercano di

PUBBLICITÀ

È un esodo che riguarda 25.000 persone, quelle in fuga da Ramadi secondo le Nazioni Unite.

L’esercito iracheno e le milizie sciite cercano di riprendere il controllo del capoluogo della provincia di Anbar in mano agli jihadisti di Daesh, acronibo arabo che indica il gruppo Stato Islamico.

An Iraqi Sunni displaced woman, who fled the violence in the city of Ramadi carries… http://t.co/23n5PRcFoW via Reuters</a></p>&mdash; Andrea S. Neri (AndreaNerone) 20 Maggio 2015

Il Comando Centrale dell’esercito iracheno esprime ottimismo sull’operazione.

“Le milizie sciite hanno un’esperienza fondamentale, coordinano le forze di sicurezza nella caccia e nell’eliminazione di Daesh dalle sue roccaforti. Una conoscenza del terreno e della guerriglia urbana che si aggiunge alla professionalità dell’esercito. Il risultato sarà la sconfitta del gruppo Stato Islamico a Ramadi” assicura il Generale Saad Maan, portavoce del Comando Centrale delle operazioni dell’esercito iracheno.

La coalizione di Mobilitazione Popolare include oltre 3.000 uomini delle milizie sciite controllate dall’Iran, un’alleanza in chiave anti-jihadista divenuta necessaria per il governo di Baghdad. Le forze della coalizione sono schierate ad Est di Ramadi. Ma secondo le testimonzianze sul terreno, gli estremisti islamici hanno preparato meticolosamente la difesa della città.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iraq, raid Usa su Ramad. Washington ammette: una battuta d'arresto nella guerra contro l'Isil

Palmira, la nuova minaccia dell'Isis al mondo

Iraq, parlamento approva la legge per criminalizzare l'omosessualità: fino a 15 anni di reclusione