EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Gb: oggi il nome della Royal Girl

Gb: oggi il nome della Royal Girl
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Olivia, Victoria, Elizabeth, Diana, Charlotte, Alice: nel Regno Unito è un turbinio di scommesse in attesa che i reali diano l’annuncio ufficiale del

PUBBLICITÀ

Olivia, Victoria, Elizabeth, Diana, Charlotte, Alice: nel Regno Unito è un turbinio di scommesse in attesa che i reali diano l’annuncio ufficiale del nome della piccola di William e Kate, nata il 2 maggio. Il comunicato ufficiale è atteso per oggi. Ma in realtà la tradizione vuole che il nome non sia ufficializzato finché la piccola principessa non incontrerà la bis-nonna, Sua Maestà la Regina Elisabetta che è stata nel Norfolk durante il weekend e che potrebbe però non rientrare fino a martedì.
La gente davanti a Buckingham Palace è impaziente: tutti si chiedono come si chiamerà la royal girl. Due mamme con le loro figlie, venute a Londra per godersi l’atmosfera festosa, dicono la loro: “Ce lo chiedevamo prima sul treno per venire qui: Victoria”. “Penso Alice”. “Penso che Mary sia un bel nome”. “Penso Alice perché è il mio secondo nome ed è fantastico”.

Quando nel 2013 nacque il primo genito della coppia, ci volle una settimana prima che venisse reso noto il nome: George Alexandre Louis. Ma andando a guardare più indietro, prima di sapere il nome di William ci volle più di una settimana. E fu necessario addirittura un mese prima che venisse svelato il nome del principe Carlo.

A guardare le lavagne dei bookmaker, i favori del pronostico sono per Charlotte e Alice. Resistono Victoria ed Elizabeth, in onore delle sovrane più longeve nella storia del regno. Diana, pur popolare fra la gente
comune, viene scavalcato dal quasi inedito Olivia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Regno Unito: il ritorno di Nigel Farage, i conservatori perdono voti

Regno Unito, annuncio a sorpresa di Sunak: elezioni anticipate il 4 luglio

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti