ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stato dell'unione, il plauso della gente di Washington alle sfide di Obama

Lettura in corso:

Stato dell'unione, il plauso della gente di Washington alle sfide di Obama

Stato dell'unione, il plauso della gente di Washington alle sfide di Obama
Dimensioni di testo Aa Aa

Centro di Washington. Birreria affollata e sguardi inchiodati allo schermo. Non è una partita di football americano, ma il “discorso sullo stato dell’unione”.

La gente lo segue con un’attenzione normalmente dedicata al tifo sportivo. Succede in poche occasioni e pochi luoghi come qui.

E ancor di più quando a tenerlo è un presidente dei democratici. Che qui, nel distretto di Columbia, hanno un vero e proprio feudo.

Questi alcuni dei pareri raccolti da euronews.

“Penso – dice un uomo in tuta – abbia fatto un buon discorso, dritto al punto. Credo stia facendo un buon lavoro”.

Ancora più positivo il parere di un altro giovane uomo che siede al bancone: “penso stia facendo un eccellente lavoro. Ha fornito informazioni importanti per l’anno. Lo ritengo eccellente”.

Apprezzamenti anche da una ragazza seduta col suo findanzato: “credo abbia mostrato grinta su molti argomenti. Sta provando a spingere su molte cose su cui aveva puntato quando è stato eletto. Dovrà affrontare molte sfide nel congresso”.

Un piccolo appunto arriva da un uomo un po’ più attempato: “vorrei veder fare di più sul cambiamento climatico. Credo che sia il principale problema a lungo termine che nessuno sta affrontando davvero”.

I risultati in campo economico e nei rapporti con Cuba, un altro tabù rotto come citare bisessuali e transgender nel discorso sullo stato dell’unione. Obama non è certo in disarmo.

Il commento del corrispondente di euronews, Stefan Grobe: “il presidente Obama ha sfidato il congresso a maggioranza repubblicana su molte questioni, domestiche e internazionali. Ha intenzione di spendere tutto il capitale politico che gli è rimasto. I suoi ultimi due anni da presidente saranno tutto fuorché noiosi”.