EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lo "sceicco" che combatte con la penna, ma è accusato di stupri e complicità in omicidio.

Lo "sceicco" che combatte con la penna, ma è accusato di stupri e complicità in omicidio.
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'autore del sequestro di Sydney non è nuovo alle cronache. Condannato in passato per reati d'odio nei confronti dei militari australiani, è accusato di complicità nell'omicidio della ex moglie e di v

PUBBLICITÀ

Da quando è in Australia si fa chiamare sceicco, pur non risultando che abbia diritto a titoli onorifici.

All’anagrafe è Mohammad Hassan Manteghi, 50 anni, giunto in Oceania nel 1996 come rifugiato, dall’Iran, e da allora ha cambiato il suo nome in Man Haron Monis.

Non è nuovo alle cronache il “sequestratore di Sydney”. Condannato per aver scritto “lettere d’odio” ai soldati australiani di ritorno dall’Afghanistan.

Lui ha sempre sostenuto che le sue armi siano carta e penna e che combatte con quelle in nome della pace e per un’idea del tutto personale dell’Islam, che ultimamente pare essere sulla stessa lunghezza d’onda di quella del sedicente “Stato islamico”.

Ma tra le accuse che ha accumulato ci sono anche quelle per crimini violenti. Come la complicità nell’efferato omicidio della ex moglie, Noleen Hayson Pal.

Secondo gli investigatori, per crearsi un alibi per quel giorno avrebbe simulato un attacco di cuore, un incidente d’auto e un furto subito.

Nonostante questo era stato arrestato e liberato su cauzione.

Inoltre, nei panni di “curatore spirituale” sarebbe stato responsabile di molestie sessuali nei confronti di 50 donne. Vicenda per la quale aveva subito un altro arresto il 14 marzo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, sequestro di guardie in un carcere a Rostov: uccisi detenuti dell'Isis da forze speciali

Guerra a Gaza: attesa la risposta di Hamas alla controproposta di Israele sugli ostaggi

Rio de Janeiro: presi in ostaggio su un bus, liberati dalla polizia militare