ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La crisi fa sentire gli effetti su Bmw

La crisi fa sentire gli effetti su Bmw
Dimensioni di testo Aa Aa

Per la prima volta Bmw comincia a sentire i segnali di rallentamento In Europa e gli investitori si spaventano.
Nonostante i risultati trimestrali superiori alle attese il titolo del costruttore automobilistico tedesco è in calo a Francoforte dove ha chiuso in ribasso a fronte di un indice Dax in aumento.
E dire che il numero uno mondiale nelle vetture alte di gamma ha registrato un utile netto e un giro d’affari record nel terzo trimestre. Un risultato dovuto in gran parte all’esplosione delle vendite in Cina dove sono aumentate del 40%.

Ma gli investitori hanno rilevato che il margine operativo è in calo su base annua piu’ del previsto.
La reddittività del costruttore è stata diminuita dai costi di sviluppo in Brasile e dagli sconti concessi ai clienti in Europa dove realizza la metà delle vendite.

La concorrenza è infatti molto dura sul mercato automobilistico europeo dove le vendite di auto nuove dovrebbero subire un calo dell’8-10% a fine 2012: è il peggior risultato da 20 anni.

Una situazione difficile, Bmw ne è cosciente, ma il gruppo tedesco mantiene gli obiettivi annuali da primato. Nonostante il calo di martedi, il titolo ha guadagnato circa il 25% quest’anno.