EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Quando entreranno in vigore i nuovi controlli alle frontiere dell'Ue? Tutto quello che c'è da sapere su EES e ETIAS

Sistema di ingresso/uscita (EES) dell'Ue
Sistema di ingresso/uscita (EES) dell'Ue Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Angela Symons
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il mese prossimo dovrebbe essere pubblicato un nuovo calendario per il sistema di ingresso/uscita (EES) dell'Ue post-Brexit

PUBBLICITÀ

In arrivo il nuovo calendario per il sistema di ingresso/uscita (EES) post-Brexit dell'Unione europea. Dovrebbe essere pubblicato il prossimo mese. 

L'EES dell'UE era originariamente previsto per il 2022 ma ha dovuto affrontare diverse battute d'arresto. Era stato riprogrammato per il maggio 2023, poi è stato ulteriormente posticipato alla fine dell'anno.

Ora, alcuni media riportano che non entrerà in vigore prima del 2025. Contattata da Euronews Travel, la Commissione europea non ha confermato la notizia.

"La Commissione non commenta le speculazioni", ha dichiarato in un'e-mail la portavoce della Commissione europea per gli affari interni, Anitta Hipper, "La Commissione rimane impegnata a rendere l'ETIAS operativo il prima possibile".

Quando finalmente entrerà in vigore, i viaggiatori extracomunitari che entrano nell'Area Schengen dovranno affrontare nuovi controlli alle frontiere. Alcuni hanno previsto il caos al momento del lancio del sistema, mentre altri sperano che i ripetuti ritardi diano ai Paesi il tempo necessario per prepararsi al cambiamento.

Che cos'è il sistema EES?

Il sistema di ingresso-uscita sarà un sistema di registrazione automatizzato per i viaggiatori del Regno Unito e di altri Paesi terzi che non hanno bisogno di un visto per entrare nell'Ue.

I viaggiatori dovranno scansionare il proprio passaporto o un altro documento di viaggio presso un dispositivo self-service ogni volta che attraversano una frontiera esterna dell'Ue. Il sistema non si applicherà ai residenti legali o ai titolari di visti per soggiorni di lunga durata.

Il sistema registrerà il nome del viaggiatore, i dati biometrici, la data e il luogo di ingresso e di uscita. I dati delle scansioni facciali e delle impronte digitali saranno conservati per tre anni dopo ogni viaggio.

Il sistema si applicherà all'ingresso in tutti gli Stati membri dell'Ue, ad eccezione di Cipro e dell'Irlanda, nonché in quattro Paesi non appartenenti all'Unione Europea e appartenenti all'area Schengen: Islanda, Lichtenstein, Norvegia e Svizzera.

L'EES è stato introdotto per rafforzare la sicurezza delle frontiere e identificare i viaggiatori che superano il periodo di permanenza consentito nell'area Schengen (90 giorni in un periodo di 180 giorni).

Come ha reagito il settore dei viaggi ai ritardi?

Per le compagnie aeree questi rinvii stanno garantendo più tempo per i preparativi di tutta la macchina di controllo. 

"L'EES cambierà le modalità di gestione delle frontiere dell'Ue. Ci sono tuttavia una serie di questioni che devono essere risolte per garantire un'implementazione e un funzionamento senza intoppi del nuovo sistema, in modo che i passeggeri aerei non debbano subire disagi", si legge in una dichiarazione congiunta dell'Airports Council International (ACI), di Airlines for Europe (A4E), dell'European Regions Airline Association (ERA) e dell'International Air Transport Association (IATA).

Le organizzazioni ha sottolineato la necessità di "una più ampia adozione e un'efficace implementazione dell'automazione ai valichi di frontiera nazionali da parte delle autorità nazionali, nonché di finanziamenti da parte degli Stati membri per garantire un numero sufficiente di personale formato e di risorse per la gestione delle frontiere esterne dell'Ue, in particolare negli aeroporti". 

Hanno inoltre affermato che le compagnie aeree e gli scali dovrebbero ricevere "risorse sufficienti" per facilitare l'applicazione delle nuove norme, affermando che sarà anche necessaria una campagna di comunicazione pubblica per informare i viaggiatori dei cambiamenti.

L'ETIAS è ancora in pista?

L'EES è collegato al sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS), che obbliga i cittadini extracomunitari che non necessitano di un visto Ue ad ottenere un'autorizzazione di viaggio per entrare nel blocco. 

PUBBLICITÀ

L'esenzione dal visto sarà obbligatoria per tutti coloro che desiderano visitare l'area Schengen per un breve periodo.

Inizialmente l'ETIAS doveva essere operativo dal novembre 2023. Come si legge dal sito web, la Commissione europea afferma che entrerà in vigore nel 2024. 

Sebbene non sia stata fornita una data esatta, l'Unione europea ha precedentemente indicato che sarà introdotto cinque o sei mesi dopo l'EES. Potrebbe essere previsto un periodo di attuazione in cui il sistema verrà introdotto gradualmente insieme al sistema di ingresso/uscita.

I viaggiatori potranno richiedere l'ETIAS online prima del viaggio al costo di 7 euro. Una volta approvata, l'autorizzazione elettronica di viaggio sarà collegata elettronicamente al passaporto e avrà una durata di tre anni.

PUBBLICITÀ

Perché l'EES è stato ritardato?

Le sfide con gli appaltatori che rispettano le scadenze sono state citate come la ragione del rinvio dell'EES.

Le barriere automatiche EES devono essere installate a tutte le frontiere internazionali terrestri, marittime e aeree dell'area Schengen. I viaggiatori potranno registrare i propri dati presso i dispositivi self-service e su applicazioni mobili in alcuni Paesi, dopodiché le guardie di frontiera o gli e-gates completeranno i controlli.

Non è chiaro quando il sistema sarà introdotto, ma si prevede che un nuovo calendario sarà reso noto a ottobre.

"Come indicato nell'esito del Consiglio Giustizia e Affari interni di giugno, un calendario aggiornato per l'entrata in funzione del sistema di ingressi/uscite dovrebbe essere presentato al Consiglio Giustizia e Affari interni di ottobre 2023", ha dichiarato Hipper a Euronews Travel. "Successivamente, l'inizio delle operazioni sarà annunciato attraverso i canali di comunicazione ufficiali dell'Ue".

PUBBLICITÀ

Che impatto avrà l'EES sui viaggi?

Nel Regno Unito e altrove si teme che l'EES, il sistema di ingresso/uscita, possa aumentare i ritardi ai posti di controllo di frontiera. 

In un rapporto del Consiglio europeo, pubblicato dall'organizzazione no-profit Statewatch, diversi Paesi esprimono preoccupazione per i ritardi nell'attuazione del sistema ESS. Secondo loro, il tempo a disposizione per testare il sistema prima del suo lancio sta rapidamente diminuendo.

Le autorità francesi effettueranno i controlli di frontiera EES presso il porto di Dover, l'Eurostar e l'Eurotunnel del Regno Unito. Attualmente stanno collaborando con il governo britannico per ridurre al minimo l'impatto del sistema sui flussi di frontiera e sul traffico, ma esprimono preoccupazione per i potenziali tempi di attesa.

Anche altri Paesi stanno ancora lavorando ai piani di implementazione del sistema EES. La Commissione europea ha suggerito che il sistema potrebbe dover essere introdotto in modo graduale e flessibile per ridurre la probabilità di lunghi tempi di attesa alle frontiere.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Blocco informatico: ritardi e cancellazioni dei voli, cosa fare e cosa dicono le compagnie aeree

Milano, l'aeroporto di Malpensa sarà intitolato a Silvio Berlusconi, ma scoppiano le proteste

Attraversa lo Stretto di Messina su una fune, ma scivola a 80 metri dalla fine e manca il record