EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

I migliori Paesi al mondo per il lavoro da remoto: i primi 10 sono tutti in Europa

Secondo il Global Remote Work Index 2023, la Danimarca è il miglior Paese al mondo per il lavoro a distanza.
Secondo il Global Remote Work Index 2023, la Danimarca è il miglior Paese al mondo per il lavoro a distanza. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di David Walsh
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un nuovo rapporto ha valutato 108 Paesi in base a fattori sociali e infrastrutturali e ha rilevato che l'Europa è stato di gran lunga il posto migliore per lavorare a distanza nel 2023.

PUBBLICITÀ

Un nuovo anno di solito annuncia l'arrivo di cambiamenti e progressi. È anche un periodo in cui tradizionalmente si fanno dei propositi che pochi si impegnano a portare a termine. È anche il periodo dell'anno in cui rivalutiamo i nostri percorsi professionali e iniziamo a cercare e fare domanda per un nuovo lavoro.

Grazie alla pandemia Covid-19, il panorama è completamente cambiato per quanto riguarda le nostre abitudini lavorative, con il lavoro ibrido o a distanza che diventa sempre più un'opzione predefinita per molti di noi.

Un nuovo rapporto della piattaforma di cybersicurezza Nordlayer ha analizzato quali sono i posti migliori al mondo per lavorare da remoto, scoprendo che l'Europa domina la classifica non solo con i primi dieci posti, ma anche con la maggior parte della metà dei posti.

Il 2023 Global Remote Work Index ha analizzato i dati di 108 Paesi e ha assegnato loro un punteggio in base a vari criteri, tra cui l'accesso a connessioni Internet stabili e veloci, i vantaggi socio-economici come l'assistenza sanitaria e le tutele dei diritti umani.

This is how the 108 countries surveyed ranked, according to data analysed for the Global Remote Work Index 2023.
This is how the 108 countries surveyed ranked, according to data analysed for the Global Remote Work Index 2023.Nordlayer

Se è vero che le priorità delle persone non sono allineate e che anche ciò che apprezzano di più è diverso, lo studio ha rilevato che la Danimarca si è classificata al primo posto quando si sono presi in considerazione i punteggi delle quattro categorie chiave: sicurezza informatica, infrastrutture digitali e fisiche, sicurezza sociale e sicurezza economica. L'Italia è al 26° posto della classifica.

I Paesi migliori sono i più cari al mondo

Sebbene la classifica dei primi posti sia dominata dai Paesi europei, gli autori del rapporto hanno anche notato che questi Paesi - tra cui la Danimarca e gli altri Paesi nordici - sono tutti più costosi da vivere.

L'unica eccezione è stata il Portogallo, che pur posizionandosi al sesto posto nella classifica generale, è risultato molto più in basso (56°) per quanto riguarda il costo della vita, offrendo ai lavoratori remoti il miglior rapporto qualità-prezzo tra i 10 Paesi della top 10 a forte presenza europea.

L'Europa domina i primi posti della classifica generale, ma molti di questi Paesi sono in calo per quanto riguarda le infrastrutture digitali, mentre i Paesi asiatici eccellono in particolare in questo campo.

Singapore ha conquistato il primo posto in questa categoria, seguito dalla Corea del Sud e dagli Emirati Arabi Uniti. I contendenti europei sono stati penalizzati per l'accessibilità a Internet.

Pur essendo i Paesi che si sono distinti in questa categoria e i primi del continente, Singapore si è piazzato al 28° posto in classifica generale, mentre la Corea del Sud ha ottenuto un risultato migliore al 17° posto.

I Paesi che hanno offerto la migliore sicurezza economica ai lavoratori a distanza sono stati guidati dall'anglosfera, come Regno Unito, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda. Seguono a ruota le grandi economie europee, come Germania e Spagna, e altri paesi fuori classifica come Malta.

Cosa distingue i Paesi top

Votata costantemente come uno dei luoghi più felici del pianeta, la Danimarca ha ottenuto un punteggio elevato in tutti i criteri del rapporto.

Nonostante un costo della vita estremamente elevato (94° posto) e un Internet costoso (42°), i danesi godono di un'ottima qualità di Internet (7°) e si sono distinti in particolare per i livelli di inclusione sociale (6°) e di prestazioni sociali, compresa l'assistenza sanitaria (3° posto).

Anche le condizioni sociali hanno garantito la posizione dei Paesi Bassi al secondo posto. I Paesi Bassi hanno ottenuto risultati particolarmente elevati per quanto riguarda la sicurezza sociale (bassi tassi di criminalità e così via), i diritti personali (3°) e la presenza di una società inclusiva (6°).

Insieme a un'infrastruttura digitale veloce e stabile e a una buona sicurezza informatica, questi fattori hanno assicurato ai Paesi Bassi un secondo posto ravvicinato nella classifica.

Al terzo posto, la Germania si è distinta dagli altri Paesi con il primato dell'Internet più accessibile (1°) e del sistema giuridico più solido (1°).

Essendo la più grande economia europea, non sorprende che la Germania offra un'elevata sicurezza economica ai lavoratori a distanza (6° posto). Tuttavia, è stata penalizzata nella categoria delle infrastrutture digitali e fisiche (22° posto).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In che modo l'intelligenza artificiale sta ridisegnando il mondo del lavoro?

Uso dell'IA nel mondo del lavoro: quali sono i rischi e le opportunità?

In Italia solo il 48% delle donne attive al lavoro, in Ue il 59%