EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Crimine informatico, hacking e dipendenza: come riportare i giovani hacker sulla retta via?

Crimine informatico, hacking e dipendenza: come riportare i giovani hacker sulla retta via?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il crimine informatico non conosce età: quali sono le iniziative per sfruttare le conoscenze dei giovani hacker che hanno commesso dei crimini informatici?

PUBBLICITÀ

L'adrenalina che molti hacker provano durante le loro azioni può creare dipendenza. Tuttavia, molti ritengono che i black hat (pirati informatici illegali) possano sviluppare una bussola morale e imparare a usare le loro abilità a fin di bene, soprattutto se le autorità intervengono quando sono giovani.

"Il crimine informatico non conosce età e purtroppo i bambini, essendo ingenui e vulnerabili, sono la maggior parte di coloro che diventano questo gruppo di criminali informatici", afferma Mike Jones, un esperto di sicurezza.

La polizia olandese si concentra sulla prevenzione della criminalità informatica. I suoi programmi RE_B00tCMP (Reboot Camp) e HACK_Right mirano a riorientare i giovani hacker in una direzione positiva.

"Hanno un'intera giornata in cui imparano tutto sull'hacking, su come usare le proprie capacità in modo corretto senza infrangere la legge", spiega Floor Jansen, capo della squadra di prevenzione del crimine informatico della polizia olandese.

Hacking e dipendenza

"Hacking e dipendenza vanno di pari passo - spiega Jones -. E il motivo per cui lo dico è che chiunque abbia una personalità incline alle dipendenze può facilmente diventare dipendente da una scarica di adrenalina".

GhostExodus, alias di un hacker incarcerato per 11 anni per le sue attività illegali da giovane, ha condiviso la sua storia di redenzione. "Ero un bambino perso, avevo una madre che non si prendeva cura di me - racconta - Così l'hacking è diventato un modo per curarmi dalla mia impotenza", dice. "Ricostruire la mia vita dopo essere stato incarcerato per 11 anni, che era difficile. Non avevo alcun senso della direzione".

Da "cappello nero" a "cappello bianco"?

Erik Van Oosbree, un penetration tester, spiega chi sono, nel gergo informatico, black hat (cappello nero), white hat (cappello bianco) e grey hat (cappello grigio).

"Un white hat joker è un hacker che svolte attività del tutto legali. Ha un contratto, l'approvazione dell'azienda che gli permette di fare l'hacker - dice Van Oosbree -. Il black hat è l'esatto opposto del white hat. La motivazione è piuttosto egoistica e non si preoccupa delle conseguenze legali. Il più delle volte la motivazione è il denaro, ma può anche essere la fama".

E poi c'è la zona grigia in cui l'hacking viene compiuto per una buona causa, ma senza autorizzazione. "Conosco diverse persone che hanno fatto questo cambiamento - dice Jones -. Tutto dipende dalla motivazione personale, se si è incoraggiati a sufficienza, se si soffre abbastanza o se si è motivati, le persone cambiano".

Condividi questo articolo