Bruxelles raccomanda l'apertura di colloqui di adesione all'UE con la Bosnia-Erzegovina

Il Presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia-Erzegovina Borjana Kristo, a destra, posa con il Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen,
Il Presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia-Erzegovina Borjana Kristo, a destra, posa con il Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, Diritti d'autore Armin Durgut/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Armin Durgut/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Mared Gwyn Jones
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Commissione europea raccomanderà oggi l'apertura dei colloqui di adesione all'UE con la Bosnia-Erzegovina, otto anni dopo che il Paese dei Balcani occidentali ha chiesto di entrare a far parte del blocco.

PUBBLICITÀ

Annunciando la decisione del suo esecutivo martedì mattina in un discorso al Parlamento europeo, la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha dichiarato: "Da quando abbiamo concesso lo status di candidato, la Bosnia-Erzegovina ha compiuto passi avanti impressionanti. In poco più di un anno sono stati compiuti più progressi che in un decennio".

"Naturalmente sono necessari ulteriori progressi per entrare a far parte dell'Unione. Ma il Paese sta dimostrando di poter rispettare i criteri di adesione e l'aspirazione dei suoi cittadini a far parte della nostra famiglia", ha aggiunto von der Leyen.

"Il futuro della Bosnia-Erzegovina è nella nostra Unione".

La raccomandazione della Commissione dovrà essere approvata da tutti i 27 leader dell'UE, che decideranno in un vertice la prossima settimana a Bruxelles.

La Bosnia-Erzegovina - che ha ottenuto lo status di candidato all'UE nel dicembre 2022 - è uno dei cinque Paesi dei Balcani occidentali riconosciuti come candidati ufficiali all'adesione all'UE. Fino ad oggi, era l'unico di questi Paesi a non aver ancora avviato i negoziati formali di adesione.

Divisioni etniche profondamente radicate e ritardi nelle riforme costituzionali, giudiziarie ed elettorali hanno impedito al Paese di mettersi al passo con i suoi vicini sulla strada dell'adesione all'UE.

Nella sua valutazione annuale dei progressi compiuti dai Paesi candidati verso l'adesione, pubblicata lo scorso ottobre, la Commissione ha affermato che, prima di poter avanzare la candidatura della Bosnia, sono necessarie ulteriori riforme costituzionali ed elettorali e un migliore allineamento con la politica estera dell'UE.

In particolare, l'esecutivo dell'UE era preoccupato per il modo in cui la Republika Srpska, una delle due entità territoriali del Paese, composta per lo più da persone di etnia serba, aveva sostenuto una posizione neutrale nei confronti dell'invasione su larga scala dell'Ucraina da parte della Russia.

Proprio il mese scorso, il Presidente della Republika Srpska Milorad Dodik ha avuto il suo quarto incontro con il Presidente russo Vladimir Putin da quando le truppe russe hanno invaso l'Ucraina.

Tuttavia, martedì la von der Leyen ha assicurato che "la Bosnia-Erzegovina è ora pienamente allineata alla nostra politica estera e di sicurezza, il che è fondamentale in questi tempi di turbolenze geopolitiche".

Molti Paesi dell'UE, i cosiddetti "amici della Bosnia", hanno chiesto che il percorso della Bosnia verso l'adesione all'UE proceda allo stesso ritmo di quello dell'Ucraina. Tra questi, Austria, Croazia, Italia, Ungheria e Slovenia.

L'invasione della Russia ha dato un senso di rinnovata energia al futuro allargamento dell'Unione Europea, con l'integrazione degli Stati dei Balcani occidentali considerata da molti come cruciale per rafforzare la rilevanza geopolitica del blocco.

In risposta all'annuncio di martedì, il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg ha dichiarato che l'apertura dei colloqui con la Bosnia-Erzegovina è un "segnale forte" per l'integrazione dell'UE nei Balcani occidentali.

Se i leader dell'UE dovessero approvare la raccomandazione della Commissione, la Bosnia-Erzegovina potrebbe passare alla fase successiva dei colloqui.

Ma questi colloqui segnerebbero solo l'inizio di un processo negoziale lungo e spesso complicato, che può richiedere anni prima che un Paese diventi un membro a tutti gli effetti.

Questa settimana la Commissione dovrebbe presentare una bozza di quadro negoziale per l'adesione dell'Ucraina e della Moldavia. Anche questo quadro richiederà l'approvazione dei leader dell'UE.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi candidati all'Unione europea: tocca alla Bosnia-Erzegovina? Giovedì si decide

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica

Esclusivo - Charles Michel: "Spero che il contrattacco israeliano all'Iran ponga fine all'escalation"