EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La lotta del popolo sami per preservare le proprie tradizioni

In collaborazione con The European Commission
La lotta del popolo sami per preservare le proprie tradizioni
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Aurora Velez
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sono l'unico popolo indigeno riconosciuto in Europa e vivono in una regione, la Lapponia, che comprende quattro Stati. Molte delle decisioni prese nell'Unione europea li riguardano direttamente, motivo per cui stanno partecipando ad un progetto europeo per rafforzare i legami con Bruxelles

La Lapponia, regione nel nord dell'Europa, è la terra dei sami: sono circa ottantamila e le loro attività principali sono la pesca e l'allevamento delle renne. Molte delle decisioni prese nell'Unione europea li riguardano direttamente, motivo per cui stanno partecipando ad un progetto europeo per rafforzare i legami con Bruxelles. Con quali aspettative?

"Vogliamo che l'Unione europea ci consenta di continuare a seguire il nostro stile di vita tradizionale, di usare la nostra lingua, di esercitare la nostra cultura e di avere il diritto di rimanere dove siamo. Viviamo qui da sempre", dice Elle Merete, responsabile dell'Unità Ue del Consiglio sami.

Le gathie, le case tipiche dei sami, sono capanne costruite con rami di betulla, foglie e muschio. Il legame di rispetto e sostenibilità con l'ambiente è caratteristico dei sami, l'unico popolo indigeno riconosciuto in Europa. Il territorio della Lapponia, chiamata Sápmi in lingua sami, si estende su due Paesi dell'Unione europea, Svezia e Finlandia, e due Paesi esterni all'Unione, Norvegia e Russia.

Il loro stile di vita è legato al commercio, alla pesca, all'artigianato ed è influenzato dalle politiche comunitarie. Il progetto europeo "Filling the EU-SAPMI knowledge gaps" mira a rafforzare la comprensione reciproca e la rappresentanza sami a Bruxelles. "Vogliamo lavorare su temi come la conservazione e i mezzi di sussistenza tradizionali. Più che altro per quanto riguarda la ricerca - dice Áslat Holmberg, presidente del Consiglio lappone -. Inoltre, la partecipazione dei giovani è un aspetto che riteniamo debba essere maggiormente sviluppato qui nell'Unione europea".

Il progetto, sviluppato in Norvegia, Svezia e Finlandia, ha avuto un budget totale di quasi un milione di euro (982.245 euro), di cui più di 200mila finanziati dal programma Interreg Europee quasi mezzo milione da Finlandia e Svezia grazie ai Fondi di sviluppo europei.

Le lingue sami parlate in Lapponia son circa una decina. Lo joik è una forma di canto tradizionale, in genere ispirato a un luogo o a una persona. Marja Mortensson viaggia in tutto il mondo per preservare questa tradizione, che dà voce a ciò che non può essere 

 "Abbiamo un detto che dice che dove finiscono le parole inizia lo yoik - dice Mortensson -. Ho composto uno yoik per Svahken, una delle grandi montagne dell'area. Sale ripidamente, mentre la parte posteriore della montagna è più ondulata. Quindi lo joik riproduce questo aspetto".

Condividi questo articolo