EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Ucraina soddisfa due dei sette criteri per avviare i negoziati di adesione all'Ue

L'Ucraina ha ricevuto lo status di Paese candidato all'ingresso nell'Ue a giugno 2022
L'Ucraina ha ricevuto lo status di Paese candidato all'ingresso nell'Ue a giugno 2022 Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Efi Koutsokosta
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Obiettivi raggiunti nella riforma del sistema giudiziario e nella legislazione sui media. Restano problemi nella lotta alla corruzione e al potere degli oligarchi, ma anche nel rispetto dei diritti delle minoranze

PUBBLICITÀ

L'Ucraina ha ancora molta strada da fare nel suo cammino verso l'Unione europea, anche se qualche passo avanti è stato fatto. 

Secondo la Commissione europea, il Paese ha soddisfatto due delle sette condizioni necessarie per aprire i negoziati di adesione: la riforma del sistema giudiziario e un'adeguata legislazione sui media.

La strada dell'adesione

Il commissario europeo all'Allargamento Olivér Várhelyi ha illustrato la situazione attuale ai ministri degli Stati dell'Unione durante un incontro in Svezia, dettagliando i risultati raggiunti finora dal governo ucraino.

Sono ancora necessari progressi in cinque settori, tra cui la lotta alla corruzione e al riciclaggio di denaro, la limitazione del potere degli oligarchi e il rispetto dei diritti delle minoranze.

"L'Ucraina dovrebbe adottare ulteriori misure strutturali, in particolare ripristinando il sistema di dichiarazione patrimoniale e attuando il programma statale anticorruzione e antiriciclaggio”
Olivér Várhelyi
Commissario europeo all'Allargamento

"L'Ucraina ha ora bisogno di una serie credibile di azioni penali e di garantire una lotta costante contro la corruzione. A tal fine, dovrebbe adottare ulteriori misure strutturali, in particolare ripristinando il sistema di dichiarazione patrimoniale e attuando il programma statale anticorruzione e antiriciclaggio”.

A giugno dello scorso anno i Paesi europei avevano concesso a Kiev lo status di Paese candidato all'ingresso e ora si attende il passaggio successivo, l'apertura dei negoziati di adesione, che potrebbe avvenire già a settembre, se tutti i requisiti stabiliti saranno stati soddisfatti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Propaganda russa in una scuola di Praga

Olga Stefanishyna: "Nato e Ue, l'Ucraina è pronta"

I legami tra Ue e Regno Unito e le sanzioni alla Russia al centro del vertice dei leader Ue