Munizioni e crisi alimentare nella settimana europea

La guerra in Ucraina contribuisce alla crisi alimentare globale
La guerra in Ucraina contribuisce alla crisi alimentare globale Diritti d'autore Andrew Kravchenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Commissione presenta un piano da 500 milioni per cofinanziare la produzione dell'industria militare nell'Ue. Mantre nel mondo aumenta la fame: 65 milioni di persone in più soffrono di "insicurezza alimentare acuta"

PUBBLICITÀ

La Commissione europea ha presentato un regolamento per aumentare la produzione di munizioni nell'Ue, tramite 500 milioni di fondi comunitari.

L'obiettivo è duplice: rifornire di armamenti l'Ucraina e ricostituire le scorte degli Stati membri, chiamati ad approvare il piano così come il Parlamento europeo.

Intanto, aumenta la fame nel mondo: nel 2022 il numero di persone in condizione di insicurezza alimentare acuta è salito a 258 milioni in 58 paesi: 65 milioni in più rispetto all'anno precedente.

I motivi sono molteplici: la guerra in Ucraina, le conseguenze del Covid19 e, ovviamente quelle del cambiamento climatico come gli eventi meteorologici estremi

Nell'approfondimento settimanale di Euronews, Isabel Marques da Silva ne parla con Lavinia Antonaci, analista per le crisi alimentari alla Fao, l'l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Soldi europei all'industria militare: 500 milioni per nuove munizioni

Ucraina, da Unione Europea e Stati Uniti in arrivo nuove forniture di munizioni

Stato dell'Unione: Proteggere la natura e controllare le grandi tecnologie