I limiti di velocità autostradale fioccano in tutta Europa, ma sono una soluzione climatica valida?

A long exposure photo shows traffic moving along a highway in Frankfurt, Germany, Oct. 6, 2022.
A long exposure photo shows traffic moving along a highway in Frankfurt, Germany, Oct. 6, 2022. Diritti d'autore AP Photo/Michael Probst
Di Jack McGovan
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Le autorità di tutta Europa stanno cercando di introdurre limiti di velocità più bassi sulle autostrade, nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio

PUBBLICITÀ

Le autorità di tutta Europa stanno sempre più cercando di introdurre limiti di velocità più bassi sulle autostrade, nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio, nonostante alcuni respingimenti sul fatto che valga la pena intervenire.

Un limite di velocità di 100 km/h durante il giorno è già stato introdotto sulle autostrade olandesi nel 2019 e alcune regioni austriache hanno implementato lo stesso limite sulle proprie autostrade.

Ciò potrebbe essere ulteriormente esteso, poiché gli esperti dei trasporti di tutta l'Austria hanno annunciato il loro sostegno, all'inizio di febbraio, per un limite di velocità di 100 km/h sulle autostrade, come passo per ridurre l'impatto ambientale nel settore dei trasporti.

Ciò fa seguito a richieste simili di scienziati e attivisti tedeschi a seguito della pubblicazione di uno studio da parte dell'Agenzia ambientale del Paese, secondo cui un limite di velocità di 120 km/h potrebbe ridurre le emissioni del traffico stradale del 2,9%.

Il trasporto su strada ha rappresentato un quinto delle emissioni totali di gas serra dell'Ue nel 2019 e oltre i tre quarti delle emissioni complessive dei trasporti.

Meno carburante

"La comprensione delle riduzioni delle emissioni inizia con la comprensione del modo in cui funziona un motore - ha detto a Euronews Barbara Laa, ricercatrice sui trasporti presso l'Università tecnica di Vienna - a velocità inferiori, hai bisogno di meno carburante perché hai meno resistenza all'aria. 

Poiché la relazione tra velocità e consumo di carburante non è lineare - se raddoppi la velocità, raddoppierai più del consumo di carburante - velocità più elevate portano sempre a maggiori emissioni.

L'Agenzia internazionale per l'energia si è già dichiarata favorevole ai limiti di velocità, affermando che possono essere utilizzati per ridurre la domanda di petrolio.

Laa si è affrettata ad aggiungere che non solo un limite di velocità ridurrebbe le emissioni di carbonio, ma ridurrebbe anche l'inquinamento da azoto, rumore e particolato e renderebbe i viaggi più sicuri.

La decisione del governo austriaco di imporre un limite di velocità di 100 km/h in alcune regioni – abbassandolo rispetto ai 130 km/h nazionali – è stato un tentativo di purificare l'aria, ha affermato Laa.

Poiché l'utilizzo di veicoli elettrici non comporta emissioni, sono esentati dal limite di velocità inferiore, ma Laa non pensa sia una buona idea.

"Dal punto di vista energetico, c'è lo stesso problema per i veicoli elettrici: occorre molta più energia per guidare più velocemente - ha detto - se usiamo meno energia, allora è più facile decarbonizzare".

Meno congestione

Mentre il ridotto consumo di energia dei singoli veicoli sembrerebbe chiaro, secondo Giulio Mattioli, scienziato dei trasporti presso l'Università tecnica di Dortmund, è in discussione come un limite di velocità potrebbe giocare il proprio ruolo a livello sistemico. 

Ha detto a Euronews che non è una questione se un limite di velocità riduca le emissioni o meno, ma piuttosto di quanto le riduca: "Se riduci il limite di velocità, non solo avrai velocità più basse per molti veicoli, ma avrai anche un flusso più regolare, meno congestione e quindi ciò potrebbe effettivamente aumentare la velocità media. 

D'altro canto, l'aumento del tempo di viaggio associato a un limite di velocità inferiore potrebbe incoraggiare le persone a viaggiare in treno, in particolare su lunghe distanze: pertanto, è difficile prevedere il pieno impatto di un limite di velocità ridotto".

C'è stato un certo contraccolpo verso le proposte sui limiti di velocità: nell'ottobre 2022, il ministro dei Trasporti tedesco, Volker Wissing, ha affermato che non sarebbe stato possibile implementare un limite di velocità nel Paese, poiché non c'erano abbastanza segnali. 

Altri hanno affermato che le riduzioni delle emissioni sono piccole, quindi non vale la pena violare la libertà delle persone sulla guida veloce.

PUBBLICITÀ

Il 2,9% delle emissioni del traffico stradale in Germania potrebbe sembrare un numero basso, ma Mattioli ha affermato che dipende da come lo si guarda: coloro che cercano di screditare l'idea devono semplicemente trovare "un denominatore abbastanza grande" da far sembrare irrilevanti le "riduzioni delle emissioni di carbonio".

Sulla base dei suoi calcoli, le riduzioni delle emissioni derivanti da un limite di velocità oscillano intorno al "30-50% del divario che abbiamo attualmente tra le emissioni della Germania e i suoi obiettivi climatici per quest'anno", ha aggiunto.

I limiti di velocità non saranno sufficienti

Il limite di velocità di 100 km/h introdotto nei Paesi Bassi nel 2019 è stato un tentativo di ridurre l'inquinamento da azoto per soddisfare i requisiti legali per i nuovi progetti di costruzione, ma misurare l'esatto impatto della politica è stato difficile a causa della pandemia.

Bert van Wee, un professore di politica dei trasporti alla Delft University of Technology, riferendosi agli impatti sul comportamento di viaggio ha detto ai microfoni di Euronews che "l'effetto della pandemia è stato molto più forte, la corretta attuazione di un limite di velocità richiede anche una buona comunicazione: fai capire alle persone che risparmiano denaro, perché i loro veicoli consumeranno meno carburante, o elettricità in caso di veicoli elettrici".

PUBBLICITÀ

È anche importante adattare il messaggio al Paese, alla città o alla comunità in cui verrà implementato il limite di velocità: alcuni preferiranno i messaggi sul clima, mentre altri potrebbero preferire i messaggi sulla sicurezza.

“Non possiamo pensare di risolvere il problema delle emissioni dei trasporti esclusivamente attraverso i limiti di velocità, poiché non lo risolveremo esclusivamente attraverso i veicoli elettrici, o non lo risolveremo esclusivamente attraverso migliori trasporti pubblici - ha affermato Mattioli - avremo bisogno di fare tutte queste cose in una volta e anche di più, per ottenere riduzioni delle emissioni".

Per Laa, invece, "se non mettiamo limiti di velocità inferiori, allora dobbiamo essere più restrittivi con altre misure, perché dobbiamo ancora arrivare a zero emissioni".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Michelle Yeoh, testimonial dell'Ue sulla sicurezza stradale

Dieselgate, diritto al risarcimento per i proprietari dei veicoli

Francia: nuovi limiti di velocità