This content is not available in your region

Più cooperazione internazionale per indagare i crimini di guerra in Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Shona Murray
euronews_icons_loading
Un'immagine dalla conferenza internazionale sui crimini di guerra in Ucraina.
Un'immagine dalla conferenza internazionale sui crimini di guerra in Ucraina.   -   Diritti d'autore  Dutch Ministry of Foreign Affairs

La Corte penale internazionale e 45 Paesi si impegnano a rafforzare la cooperazione nel perseguire i presunti crimini di guerra russi che Kiev denuncia. E' quanto uscito dalla conferenza che si è tenuta all'Aia, nella giornata di giovedì 14 luglio, per discutere delle responsabilità per gli abusi commessi durante la guerra. Nelle ultime ore, un'area residenziale nel centro del Paese è stata colpita da pesanti bombardamenti che hanno ucciso diverse persone, tra cui un bambino.

Rivolgendosi in video conferenza ai membri della Corte Penale Internazionale (CPI), il presidente ucraino Vlodymyr Zelensky ha esortato l'istituzione di un tribunale per i crimini di guerra.

Il procuratore capo della Corte ha affermato che il sistema di giustizia internazionale deve essere messo in atto.

"Mentre parliamo, bambini, donne, giovani e anziani vivono nel terrore. Piangono per ciò che hanno perso ieri, trattengono il fiato per ciò che potrebbero perdere oggi o per ciò che potrebbe avvenire domani. In un momento come questo, la legge non può essere uno spettatore; la legge non può riposare comodamente all'Aia o in qualsiasi altro luogo, quando è destinata a proteggere o sostenere alcuni principi essenziali per l'umanità", ha sottolineato Karim A.A. Khan QC, Procuratore capo della CPI.

La questione è complicata perché né l'Ucraina né la Russia sono membri della Corte penale internazionale.

Ciò significa che non sono strettamente sotto la sua giurisdizione quando si tratta di perseguire gravi crimini di guerra, come il genocidio o i crimini contro l'umanità, anche se Kiev dice che presto aderirà.

Intanto, la Procuratrice Generale dell'UcrainaIryna Venediktova, ha dichiarato che il suo Paese sta lavorando con la CPI per prepararsi a tali indagini e per vedere dove possono collaborare.

"Abbiamo delle misure procedurali e dovrei lavorare all'interno di queste, collaboreremo con tutti i tribunali e le corti perché per l'Ucraina l'importante è attribuire le responsabilità e avere giustizia. Ed è molto importante farlo con la comunità internazionale", ha specificato. 

Nel suo intervento, il presidente Zelensky ha anche dichiarato che, dall'inizio della guerra, oltre 200 mila bambini sono stati rapiti dall'Ucraina e sono stati portati in territorio russo.