EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'inflazione morde i supermercati belgi, la spesa dei consumatori è all'osso

L'elevata inflazione porta i consumatori a rivedere le proprie abitudini di spesa.
L'elevata inflazione porta i consumatori a rivedere le proprie abitudini di spesa. Diritti d'autore Dati Bendo/ EC - Audiovisual Service
Diritti d'autore Dati Bendo/ EC - Audiovisual Service
Di Pedro Sacadura
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Come in tutta Europa, l'inflazione morde i supermercati anche in Belgio. Le persone rivedono le proprie abitudini di spesa e stringono la cinghia. Secondo le organizzazioni dei consumatori, il fenomeno è strutturale e destinato a durare.

PUBBLICITÀ

Carrelli della spesa più vuoti, ma in cambio di conti più salati.

In Belgio, come in tutta Europa, l'aumento dell'inflazione spinge i consumatori a pensarci due volte prima di acquistare. Per Letícia dos Santos, madre di due figli, questi giorni sono all'insegna del risparmio per far quadrare i conti.

"Con due bambini molto piccoli ci sono costi per i pannolini, il latte in polvere. Abbiamo molti costi. Quando vado al supermercato cerco sempre le promozioni. Prendo sempre le cose in promozione o in sconto, soprattutto la carne. Credo, inoltre, che i prezzi di frutta e verdura siano aumentati", ha raccontato.

Con l'inflazione, i prezzi di carne, pane e verdure stanno aumentando e, per i consumatori, una semplice visita al supermercato sta diventando quasi una caccia al tesoro alle promozioni.

La situazione, poi, è improbabile che cambi presto. L'inflazione ha un impatto su scala europea sui bilanci delle famiglie, che devono anche far fronte all'aumento delle bollette energetiche.

Le organizzazioni dei consumatori parlano di problema strutturale e chiedono ai governi di agire. 

"L'inflazione che vediamo attualmente non è direttamente collegata alla guerra in Ucraina. La sentiamo già dall'anno scorso", ha spiegato Camille Perrin dell'Organizzazione europea dei consumatori (Beuc). "In realtà, era legata alla ripresa economica post Covid-19 e agli aumenti dei prezzi dei prodotti agricoli, come ad esempio i fertilizzanti, legati anche all'aumento dei prezzi dell'energia", ha continuato. "È anche legata all'aumento dei prezzi del cibo per animali che importiamo per gli allevamenti intensivi. Non è un problema di mancanza di offerta. È un problema strutturale che è destinato a durare", ha sottolineato ancora.

A giugno, l'inflazione in Belgio ha sfiorato il 10%, dopo aver raggiunto a maggio il livello più alto degli ultimi 40 anni. La Banca Nazionale del Belgio prevede che il potere d'acquisto non aumenti in modo significativo prima del 2023. 

Per molte famiglie questo significa stringere ulteriormente la cinghia: ma fino a che punto?

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Inflazione e mancanza di personale: a rischio la panetteria più antica di Vienna

I prezzi dell'energia sono alle stelle? La colpa è dei fertilizzanti

Gaza, il premier palestinese Mustafa a Bruxelles: "Tutti i Paesi europei riconoscano la Palestina"