Attenti alla cannabis: è più pericolosa

Attenti alla cannabis: è più pericolosa
Diritti d'autore REUTERS/Samrang Pring
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'allarme lanciato dalle Nazioni Unite e dall'Osservatorio europeo per le droghe.

PUBBLICITÀ

L'allarme viene lanciato dalle Nazioni Unite e dall'Osservatorio europeo per le droghe e le tossicodipendenze, che dal 2006 monitora il fenomeno in 28 Paesi dell’Unione europea, in Norvegia e in Turchia. Quel che emerge è che la cannabis, circolante adesso in Europa, è più potente rispetto a 10 anni fa e, per questo motivo, anche molto più pericolosa. ll contenuto di tetraidrocannabidiolo (il Thc) è aumentato, rendendo i prodotti più forti per chi ricerca i suoi effetti psicoattivi. Secondo i ricercatori dell'Osservatorio, il loro consumo potrebbe causare maggiori danni a lungo termine, aumentando la capacità di produrre dipendenza e il rischio di malattie psicotiche.

Teodora Groshkova, analista dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, spiega il cambiamento in atto: "La resina di cannabis è cambiata rapidamente e in modo significativo in tutta Europa, dando luogo a un prodotto più potente, con potenziali maggiori rischi di dipendenza e problemi di salute mentale per gli utenti. Vediamo che la cannibis è la droga più comunemente usata in Europa e che circa l'1% degli adulti ne fa uso quotidiano, quindi questo è davvero importante".

Più in generale, il rapporto globale delle Nazioni Unite conferma l'aumento del consumo di sostanze stupefacenti, cocaina e oppiacei su tutti. In Europa le autorità mettono in guardia sui rischi crescenti, legati alla nuova e più deleteria cannabis.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zelensky chiede a Bruxelles di risolvere i blocchi al confine degli agricoltori polacchi

Ue, I lavoratori su piattaforma protestano a Bruxelles: "Più tutele legali per i rider"

L'opposizione russa al Parlamento europeo, nel segno di Navalny: "Non ci arrendiamo"