This content is not available in your region

Otto paesi in meno sulla lista nera UE dei paradisi fiscali

Access to the comments Commenti
Di Elena Cavallone
Otto paesi in meno sulla lista nera UE dei paradisi fiscali

I governi europei allentano la presa sulla lotta all'evasione fiscale. Martedi a Bruxelles i 28 ministri delle finanze hanno "graziato" otto stati extra UE, spostandoli dalla lista nera dei paradisi fiscali a quella dei Paesi che si sono impegnati a rispettare i criteri europei di trasparenza. 

A esprimere il disappunto della Commissione europea è Pierre Moscovici: "capisco che alcuni paesi possano passare dalla lista nera alla lista grigia - ha affermato il commissario agli affari economici e monetari - . La lista grigia sarà composta da oltre 50 territori o stati, ma gli impegni che hanno preso devono essere resi pubblici, in modo che vengano valutati e controllati".

Secondo i ministri, lo spostamento mostra che la pressione dell'UE a livello globale sta funzionando, in quanto paesi di tutto il mondo hanno deciso di adottare le norme europee. Ma gli attivisti di Oxfam criticano duramente questa decisione. 

"Come è possibile accordare fiducia cosi velocemente ad alcuni Paesi e chiedere loro di fare delle riforme, quando l'UE stessa non è in grado di farlo? Lo scorso novembre Oxfam ha mostrato che 4 stati membri non rispettano pienamente i criteri europei, in particolare i Paesi Bassi, il Lussemburgo, l'Irlanda e Malta ", spiega Aurore Chardonnet.

Oltre alla celebre Panama, epicentro degli scandali finanziari che portano il suo nome, tra i paesi che hanno inflotito la lista grigia ci sono anche Tunisia, Emirati Arabi, Barbados, Grenada, Repubblica di Corea, Macao e Mongolia. Se non rispetteranno gli impegni potranno ripiombare nella lista nera che però al momento è ridotta a una manciata di nove staterelli: Samoa americane, Bahrein, Guam, Isole Marshall, Namibia, Palau, Santa Lucia, Samoa e Trinidad e Tobago.