EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Chizhov sull'attacco Usa in Siria: "La reazione giusta sarebbe stata di inviare investigatori internazionali"

Chizhov sull'attacco Usa in Siria: "La reazione giusta sarebbe stata di inviare investigatori internazionali"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Per l'ambasciatore russo presso l'Ue gli Usa si sono comportati in modo "irresponsabile"

PUBBLICITÀ

Vladimir Chizhov è il rappresentante permanente della Federazione russa presso l’Unione europea. Il nostro corrispondente a Bruxelles Andrei Beketov l’ha intervistato sulla reazione di Mosca rispetto al raid degli Stati Uniti in risposta all’attacco all’arma chimica su Idlib.

Andrei Beketov, euronews: Qual è stato il suo primo pensiero quando ha saputo stamattina dell’attacco americano in Siria?

Vladimir Chizhov, ambasciatore russo presso l’Ue: “Le dirò, francamente è stato un senso di déjà-vu. Be’,è un caso ripetuto di comportamento irresponsabile. Naturalmente i raid aerei sono una chiara violazione del diritto internazionale”.

euronews: Ma qualcosa andava fatto dopo questo orribile attacco all’arma chimica a Idlib. In questo senso la pensate come gli americani?

Vladimir Chizhov: “Qualcosa evidentemente andava fatto. Si sarebbero dovuti inviare investigatori internazionali sul posto perché indagassero sui fatti”.

euronews: E la Russia che cosa farà con il regime di Assad?

Vladimir Chizhov: “Il sostegno russo al regime siriano non è mai stato incondizionato. Ma noi crediamo che quel che è accaduto nelle ultime 48 o 72 ore in Siria, be’, porti tutti gli indizi della provocazione, direi che è evidente, e sicuramente potrà essere confermato da controllori e investigatori internazionali, una volta che saranno sul posto, che i responsabili del tragico incidente chimico sono i cosiddetti ribelli moderati piuttosto che il governo siriano”.

euronews: Che cosa pensa delle reazioni qui a Bruxelles? Sembra che Unione europea e Stati Uniti si stiano ora avvicinando perché hanno un obiettivo comune ora in Siria.

Vladimir Chizhov: “Innanzi tutto penso che abbiamo tutti lo stesso obiettivo in Siria, che è di portare la pace in questo paese devastato dalla guerra, e abbiamo un obiettivo più globale, che va al di là della Siria, di combattere il terrorismo internazionale”.

euronews: Ma la Russia già oggi dice che rafforzerà le difese aeree nell’area e ci sono voci di movimenti navali in quella direzione.

Vladimir Chizhov: “La Russia, diversamente dagli Stati Uniti, dispiega le sue forze aeree e risorse navali in Siria su basi legittime, su richiesta del governo siriano legittimo”.

euronews: Nel 2013, la Russia doveva distruggere le armi chimiche della Siria…

Vladimir Chizhov: “È stato fatto, è stato verificato”.

euronews: Ma noi le vediamo ancora in azione, queste armi chimiche…

Vladimir Chizhov: “Sì, perché sono state stoccate ed evidentemente anche prodotte da gruppi d’opposizione nei territori che controllano”.

euronews: È un argomento molto sensibile, e il presidente Trump è stato probabilmente colpito dalle immagini di bambini e donne intossicate… Lei capisce questa motivazione, e la Russia farebbe lo stesso se ne avesse i mezzi?

Vladimir Chizhov: “Il dovere di ogni leader è di prendere decisioni non in base a emozioni personali, ma piuttosto su fatti precisi, e sfortunatamente questa decisione degli attacchi aerei è stata presa da Washington senza disporre di fatti precisi”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, sindaco di Kharkiv: "Dobbiamo chiudere i cieli sopra la città"

Ungheria: l'oppositore di Viktor Orban si unisce al Ppe al Parlamento europeo

Germania, la sicurezza nazionale è "peggiorata" avverte la ministra degli Interni Faeser