Bruxelles, ai lavoratori distaccati stessi diritti dei locali

Bruxelles, ai lavoratori distaccati stessi diritti dei locali
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Bruxelles mantiene ferma la posizione sui lavoratori distaccati.

PUBBLICITÀ

Bruxelles mantiene ferma la posizione sui lavoratori distaccati. La Commissione europea ha infatti rigettato tutte le critiche avanzate da 11 Paesi membri sulla riforma di direttiva presentata dall’esecutivo Juncker,che ha già ribadito di avere la piena competenza.

Spiega perché la Commissaria al Lavoro Marianne Thyssen:“Il distacco dei lavoratori è per sua stessa natura una questione transnazionale. Un’attività distaccata, non importa di che tipo, ha effetti almeno in due Paesi membri. Ecco perché le regole sui lavoratori distaccati implicano diritti e doveri sia tra l’azienda e il suo Paese di origine, cosi come tra il lavoratore e il Paese che lo ospita temporaneamente.

Nel testo contestato, l’esecutivo Juncker intende mettere i lavoratori distaccati sullo stesso piano di quelli locali per ciò che riguarda ferie e tredicesima. Situazione che al momento è lasciata molto alla discrezionalità dei diversi Paesi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, approvata la legge sul ripristino della natura: l'opposizione della destra e le proteste degli agricoltori

Reati ambientali, la svolta dell'Unione europea: pene più severe, sino a 10 anni di carcere

Giovani, i più poveri d'Europa in Romania: l'Italia fa meglio di Francia e Germania