EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Brexit, il Regno Unito alle prese con un divorzio difficile

Brexit, il Regno Unito alle prese con un divorzio difficile
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Paese è pronto al divorzio dall'Unione europea? La possibilità ora è concreta, potrebbe davvero non fare più parte dei 28.

Il Paese è pronto al divorzio dall’Unione europea? La possibilità ora è concreta, potrebbe davvero non fare più parte dei 28.

Galles, il comparto siderurgico trema

La maggior parte dei britannici che abbiamo incontrato nel sud del Galles andrà a votare. Alcuni credono che restare in Europa salverà l’industria siderurgica vera e propria spina dorsale dell’economia locale, ma in grave crisi. Chi è a favore del Brexit è convinto invece che salverà l’industria pesante.

#Brexitpic.twitter.com/4MDWm7is8m

— Wingz Dessinateur (@WingzDessins) 9 juin 2016

Altri ancora invece, voteranno per l’uscita dall’Unione europea, perché sono in collera con David Cameron e sono convinti non abbia fatto nulla per salvare il comparto siderurgico britannico. Un voto di protesta contro il primo ministro che è favorevole a restare nell’Unione europea.

Scozia, sguardo rivolto all’Europa

Gli scozzesi hanno già detto che, nel caso, procederanno sulla strada dell’indipendenza e rientreranno in Europa. Ma gli interrogativi sul futuro si moltiplicano: lasciare l’Unione europea significa rinunciare al Mercato Unico? Rinegoziare gli accordi sul commercio con i Paesi europei? E cosa accadrà ai lavoratori europei che vivono nel Regno Unito? Avranno bisogno di un permesso? Dovranno tornarsene a casa? In realtà nessuno lo sa, potrebbero volerci due anni per negoziare le modalità di uscita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brexit, viaggio in Galles: in campo anche gli anti-Cameron

Scozia: UE meglio di Brexit

Che cosa la Francia ha imparato dagli attentati del 2015