EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Piu' tempo alla Francia per sanare il deficit. Promossa l'Italia che evita la procedura di infrazione

Piu' tempo alla Francia per sanare il deficit. Promossa l'Italia che evita la procedura di infrazione
Diritti d'autore 
Di Margherita Sforza Agenzie:  afp
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La Francia avrà due anni in piu’ per mettere a posto le finanze e rientrare nei limiti del patto stabilità, promossi invece i conti di Italia e

PUBBLICITÀ

La Francia avrà due anni in piu’ per mettere a posto le finanze e rientrare nei limiti del patto stabilità, promossi invece i conti di Italia e Belgio, nonostante il pesante debito pubblico, la commissione europea ritiene che i governi di Roma e Bruxelles abbiano adottato riforme e leggi di bilancio adeguate per evitare le sanzioni.

Le sanzioni le evita ancora una volta anche la Francia – spiega il commissario agli affari monetari Moscovici: “Quando una determinata situazione richiede le sanzioni, queste possono essere adottate. Ma non è il caso questa volta. Diciamo al tempo stesso che non bisogna rallentare ma bisogna portare avanti gli sforzi, questi due anni sono importanti per la Francia se vuole migliorare la competitività, perché la competitività è migliorata lentamente e il deficit della bilancia commerciale resta importante, quindi bisogna continuare”

Il deficit francese si è attestato al 4.3% del Pil nel 2014 e il governo spera di arrivare al 4.1% quest’anno.

La Commissione europea ha chiesto a Parigi un piano di nuove riforme strutturali entro aprile. E’ dal 2009 che la Francia rischia una procedura di infrazione, questa nuova proroga è considerata un trattamento di favore da molti osservatori, se confrontata con la pressione finanziaria che i paesi della zona euro impongono alla Grecia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Russia: 16 anni di carcere per spionaggio al giornalista statunitense del Wsj Evan Gershkovich

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi