La Catalogna può imparare a convivere con la siccità?

La Catalogna può imparare a convivere con la siccità?
Diritti d'autore euronews
Di Jeremy Wilks
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Come si sta adattando la regione spagnola della Catalogna alla siccità? Il serbatoio principale che alimenta Barcellona è quasi vuoto e gli impianti di rigenerazione e dissalazione dell'acqua funzionano a pieno regime. Intanto le aziende private si sforzano di risparmiare l'acqua. Basterà?

PUBBLICITÀ

"Cambieremo perché non abbiamo altra scelta", afferma lo scienziato Vicenç Acuña, mostrando il bacino di Sau quasi vuoto, in Catalogna. Davanti a noi dovrebbe esserci un enorme lago artificiale, invece il muro di cemento della diga è ben visibile, troneggia sulla valle e sulla poca acqua torbida decine di metri più in basso. In questa regione non piove abbastanza da quasi quattro anni e il serbatoio, uno dei principali rifornimenti per la regione di Barcellona, è riempito per meno del 15%.

Nell'entroterra della Catalogna, vicino alla città di Vic, le colline un tempo erano conosciute per le cascate, ma oggi sono un'attrazione per turisti e giornalisti che vengono a fotografare una valle ormai trasformata in una gigantesca ciotola di polvere.

All'inizio di febbraio, la regione ha dichiarato lo stato d'emergenza per la siccità , limitando il consumo di acqua per l'agricoltura, l'industria e l'uso privato come il riempimento delle piscine.

Il febbraio più caldo mai registrato

Abbiamo avuto il febbraio più caldo mai registrato. Dati forniti dal Copernicus Climate Change Service.
Abbiamo avuto il febbraio più caldo mai registrato. Dati forniti dal Copernicus Climate Change Service.euronews

Mentre noi visitiamo la Catalogna, il Copernicus Climate Change Service riferisce che questo febbraio è stato il più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura di 0,8 gradi superiore alla media 1991-2020.

Abbiamo avuto nove mesi consecutivi di temperature calde da record per la stagione.

In Europa ci sono state ondate di caldo anomalo in molti paesi. Dati forniti dal Copernicus Climate Change Service.
In Europa ci sono state ondate di caldo anomalo in molti paesi. Dati forniti dal Copernicus Climate Change Service.euronews

In Europa, il caldo è stato anomalo in molti paesi. Le temperature in Romania sono state di 6,8 gradi sopra la media per febbraio, in Svizzera di 4,6 gradi sopra la media e in Inghilterra di 2,9 gradi sopra la media del mese.

Anche la temperatura superficiale dell'oceano al di fuori delle regioni polari ha battuto un nuovo record assoluto, con una media di 21,06 gradi a febbraio.

La temperatura superficiale dell'oceano al di fuori delle regioni polari ha battuto un nuovo record assoluto. Dati forniti dal Copernicus Climate Change Service.
La temperatura superficiale dell'oceano al di fuori delle regioni polari ha battuto un nuovo record assoluto. Dati forniti dal Copernicus Climate Change Service.euronews

Come si sta adattando la Catalogna?

Oggi c'è una crescente pressione per accelerare gli sforzi di adattamento in Catalogna, una regione in cui la siccità non è una novità. Molte delle installazioni attualmente in funzione sono state costruite in risposta a un lungo periodo senza piogge significative alla fine degli anni 2000.

La regione non è la sola a soffrire della mancanza di pioggia. Temperature superiori alla media per lunghi periodi, ondate di caldo e scarse precipitazioni hanno portato a gravi situazioni di siccità in tutta la regione mediterranea , colpendo numerose aree dell'Italia meridionale, della Spagna meridionale, di Malta, del Marocco, dell'Algeria e della Tunisia.

Cosa comporta realmente l'adattamento alla siccità? Acuña, ricercatore presso l' Istituto catalano per la ricerca sull'acqua , ha affermato che il primo passo è "ripensare le proprie attività e quelle che non si vogliono modificare per un determinato motivo, vanno rese più efficienti dal punto di vista idrico".

"Bisogna riuscire a utilizzare meno acqua e ottenere lo stesso risultato, o riutilizzare l'acqua a livello locale in modo da non dipendere così tanto dall'acqua naturale dei fiumi", ha aggiunto.

Molte delle iniziative di adattamento nella regione provengono da aziende private. L'Hotel Samba nella famosa località balneare di Lloret de Mar è spesso citato come esempio di moderna gestione dell'acqua. La struttura ha iniziato a riciclare l'acqua delle docce e dei lavandini per utilizzarla nei servizi igienici 25 anni fa. Hanno risparmiato oltre 10.000 m3 di acqua nel 2023, secondo la responsabile della sostenibilità Laura Pérez Flores.

L'hotel sta collaborando con gli scienziati per riutilizzare l'acqua delle docce e dei lavandini per coltivare piante. "Stiamo facendo dei test con vari ortaggi commestibili per vedere se è possibile irrigarle con le acque grigie", ha spiegato Pérez Flores.

Un'altra iniziativa privata per il risparmio idrico supportata dalla Catalan Water Partnership si trova presso l'azienda di lavorazione della carne Grup Viñas. Inizialmente ha investito nel proprio impianto di trattamento delle acque per ridurre le tasse pagate alla società idrica locale, ma ora ha iniziato a riutilizzare l'acqua nelle sue strutture per la pulizia.

Tuttavia, la direzione esprime frustrazione per i limiti che la legislazione spagnola impone sul riutilizzo dell'acqua. Al momento, sono autorizzati a utilizzare solo il 10% dell'acqua trattata. La responsabile della sostenibilità Nuria Romero ha dichiarato a Euronews: "Ci chiedono di ridurre i consumi e stiamo versando acqua pulita nel sistema fognario quando quest'acqua potrebbe essere utilizzata per altri scopi".

Oggi meno della metà dell'acqua consumata nella regione metropolitana di Barcellona proviene da fonti convenzionali come i bacini idrici. Almeno il 25% della domanda è soddisfatto dall'impianto di desalinizzazione di El Prat de Llobregat, vicino all'aeroporto. L'enorme struttura funziona a pieno regime 24 ore su 24, sette giorni su sette, aspirando acqua di mare dal Mediterraneo a circa 2 km al largo e trasformandola in acqua potabile per la popolazione.

Il sito di proprietà pubblica funziona con energia rinnovabile e, nonostante il costo, il governo catalano si è impegnato a puntare su questo tipo di impianto di desalinizzazione, che è più comune in Medio Oriente e in alcune parti dell'Asia.

"Il processo per rimuovere il sale dall'acqua di mare è sempre costoso. Richiede un'elevata quantità di energia e ciò aumenta i costi di produzione. Ma non è più una questione di costi più alti o più bassi, è una questione di disponibilità di acqua per la popolazione ", ha spiegato il direttore del sito Carlos Miguel.

PUBBLICITÀ

Accanto c'è un impianto di rigenerazione dell'acqua a basso costo, che funziona anch’esso a tempo pieno e a piena capacità. Preleva l'acqua dall'impianto di depurazione e la processa attraverso una serie di membrane e sistemi di filtraggio, trattando 180.000 m3 di acqua al giorno e soddisfacendo un altro 25% della domanda.

Pe la legislazione europea, l'acqua rigenerata non può essere semplicemente pompata nella rete idrica pubblica, quindi viene trasportata circa 16 km a monte per essere reintrodotta nel fiume Llobregat. L'acqua riciclata si mescola con l'acqua naturale del fiume prima di essere estratta di nuovo a pochi chilometri a valle, filtrata e immessa nel sistema dell'acqua potabile. Il processo, raro in Europa, ha l'ulteriore vantaggio di sostenere gli ecosistemi naturali nei tratti più bassi del fiume.

Guardando al futuro, tali cicli artificiali sono considerati l'unico modo in cui la regione di Barcellona possa soddisfare in modo sostenibile le esigenze dei 6 milioni di persone che vivono nella zona e dei milioni di turisti che la visitano ogni anno. Le autorità locali stanno pianificando di investire 407 milioni di euro per raggiungere l'obiettivo di riutilizzare il 70% dell'acqua in Catalogna entro il 2040.

Tuttavia, Acuña è preoccupato per il prossimo futuro. Riflettendo sulla diga vuota di Sau, teme una "catastrofe tra pochi mesi, questa estate" se non ci saranno piogge significative. Stima che la Catalogna abbia bisogno di circa 550 mm di pioggia questa primavera per invertire il problema della siccità.

"È necessario che i governi spingano tutta la società, attraverso incentivi fiscali, altre misure o nuove leggi, per favorire la transizione verso una società efficiente dal punto di vista idrico", ha concluso.

PUBBLICITÀ

Fonti aggiuntive: Euronews / Copernicus Climate Change Service dell’ECMWF, Associated Press. Un ringraziamento speciale a The Catalan Water Partnershi

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Giornata dell'acqua: nel mondo oltre 2 miliardi senza accesso acqua potabile