In Scozia è stata scoperta una nuova specie di rettile volante simile a un dinosauro

Un'immagine generata al computer dello pterosauro Pteranodon, una specie di pterosauro diversa da quella scoperta a Skye.
Un'immagine generata al computer dello pterosauro Pteranodon, una specie di pterosauro diversa da quella scoperta a Skye. Diritti d'autore Canva
Di Lottie Limb
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'ala nebbiosa: L'isola del cielo sta diventando un luogo chiave per svelare l'evoluzione degli pterosauri.

PUBBLICITÀ

Una nuova specie di dinosauro è stata scoperta in Scozia, offrendo ai paleontologi una preziosa visione della vita animale nel Giurassico medio. I ricercatori del Museo di Storia Naturale del Regno Unito hanno notato per la prima volta alcune ossa che spuntavano da un masso durante un'escursione sull'Isola di Skye nel 2006. Si è poi scoperto che quel fossile è di una nuova specie di pterosauro, chiamata "Ceoptera evansae".

Questi rettili volanti - pterosauro significa letteralmente "lucertola alata" - sono esistiti dal Tardo Triassico fino all'estinzione dei dinosauri, circa 66 milioni di anni fa. Ma la loro frammentaria documentazione fossile durante il Giurassico medio ci ha lasciato in gran parte all'oscuro di come si siano evoluti.

"Questa nuova specie è la prima di questo particolare gruppo ad essere stata trovata in Scozia ed è solo il secondo rettile volante ad essere stato nominato nel Paese", ha dichiarato il professor Paul Barrett dell'NHM, che ha guidato la spedizione di scoperta ed è coautore del nuovo documento che descrive la specie. "Rivela che questi animali erano molto più diffusi di quanto noto".

Con un'apertura alare stimata di 1,6 metri, la Ceoptera evansae si librava in cielo sopra una ricca fauna durante il Giurassico medio scozzese, circa 165 milioni di anni fa.

Perché l'evoluzione degli pterosauri è avvolta nel mistero?

Poiché le loro ossa sono molto fragili, non ci sono molti fossili di pterosauri. Inoltre, non trascorrevano molto tempo sul terreno vicino a fiumi e laghi, dove di solito si formano i fossili dei dinosauri."La maggior parte di ciò che sappiamo sugli pterosauri, soprattutto nel Giurassico antico e medio, proviene da una manciata di siti dove la conservazione dei fossili è eccezionale - ha spiegato Barrett -. Quasi tutto ciò che sappiamo sulla biologia e sull'evoluzione degli pterosauri proviene solo da otto o nove di queste aree chiave in tutto il mondo".

Dopo aver confrontato Ceoptera con altri pterosauri, i paleontologi ritengono che appartenga a un gruppo noto come darwinotteri, che si trova a cavallo tra i primi pterosauri e i successivi pterodattiloidi. La scoperta delle ossa fornisce alcune preziose indicazioni su come, quando e dove è avvenuta questa evoluzione.

"La nuova specie si inserisce molto bene nell'ambito dei darwinotteri e contribuisce a estendere l'areale geografico del gruppo dal materiale ben conservato in Cina al Regno Unito e all'Argentina - ha aggiunto Barrett -. Rivela inoltre che l'origine di questi rettili risale al primo Giurassico, molto prima di quanto si sapesse in precedenza".

Gli esperti ritengono ora che i darwinotteri convissuto per circa 25 milioni di anni con una ricca varietà di altri pterosauri, tra cui il Dearc. La Cina e il Regno Unito sono attualmente gli unici luoghi in cui è stata trovata questa rara sovrapposizione di fossili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Orsi polari in pericolo a causa delle estati artiche più lunghe

Un animale migratore su cinque è a rischio di estinzione: il rapporto dell'Onu

La foto di un orso polare che sonnecchia vince un prestigioso premio