This content is not available in your region

Come faranno Cina ed Europa a raggiungere la neutralità carbonica?

euronews_icons_loading
Come faranno Cina ed Europa a raggiungere la neutralità carbonica?
Diritti d'autore  euronews
Di Jeremy Wilks

A Glasgow è in corso il vertice sul clima COP26. Euronews ha riunito esperti cinesi ed europei per un dibattito su come raggiungere la neutralità carbonica. Ecco alcuni dei punti salienti.

Dobbiamo assolutamente raggiungere la neutralità carbonica? È questo l'unico obiettivo possibile?Diana Ürge-Vorsatz, professoressa di scienze ambientali all'Università dell'Europa centrale: "È imprescindibile fissare una scadenza entro cui raggiungere la neutralità carbonica, questo non è negoziabile. Per stabilizzare il clima è necessario ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica. Se l'umanità vuole sopravvivere, a lungo termine dovremo smettere di usare i combustibili fossili".

La maggior parte dei paesi - in particolare quelli sviluppati - indicano il 2050 come data limite entro cui raggiungere la neutralità carbonica: la Cina parla del 2060, perché? Jianyu Zhang, direttore esecutivo del Bri Green Development institute: "Penso che la Cina stia adottando un approccio molto pratico e metodico, visto che è il più grande paese in via di sviluppo del mondo. In realtà, se si fanno i conti, si scopre che il 2060 in realtà è una previsione ottimistica".

Come si risolve il problema del carbone? È una tecnologia del secolo scorso, che però è ancora alla base di crescita e sviluppo. Cosa pensate di fare? Changhua Wu, direttrice Cina-Asia del Jeremy Rifkin office: "Quella del carbone, purtroppo, è una questione che va affrontata il prima possibile, è già nei piani. È molto importante che la Cina stia letteralmente ridisegnando il suo sistema energetico nazionale".

Cosa succede se il sole non splende e il vento non soffia? Sappiamo che lo stoccaggio di energia è un problema enorme.Come si risolve il problema? Ajay, hai detto che al momento le rinnovabili forniscono il 10% dell'energia: l'obiettivo è arrivare al 70-80% per cento. Come immagazzineremo tutta questa energia?. Ajay Gambhir, Grantham Institute - Cambiamento climatico e ambiente: "Tra qualche anno metteremo le nostre auto sotto carica, e le batterie delle auto, a loro volta, alimenteranno la rete elettrica. C'è già un certo numero di compagnie elettriche che sta sperimentando queste tecnologie. Quindi le nostre auto saranno una sorta di mini centrale elettrica che contribuirà alla rete e permetterà l'immagazzinamento".

Diana Ürge-Vorsatz, professoressa di scienze ambientali all'Università dell'Europa centrale "Oggi sappiamo come costruire e adattare gli edifici in modo che siano fondamentalmente delle centrali elettriche, in modo che producano più energia di quella che i suoi abitanti consumano. Quindi possiamo ridurre il consumo di energia del 90% semplicemente con l'innovazione, e non con tecnologie costose".