Chi è Nathan Sawaya? Ecco l'ex avvocato che è diventato l'artista LEGO più famoso del mondo

'Art of the Brick' resterà aperta fino al 12 maggio 2024 a Londra.
'Art of the Brick' resterà aperta fino al 12 maggio 2024 a Londra. Diritti d'autore Credit: Euronews Culture/NathanSawaya
Diritti d'autore Credit: Euronews Culture/NathanSawaya
Di Theo Farrant
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La mostra "The Art of the Brick", che trasporta i visitatori nel meraviglioso e colorato mondo dell'artista Nathan Sawaya, è visitabile al Brick Lane di Londra fino al 12 maggio 2024.

PUBBLICITÀ

Alcuni artisti usano la pittura, altri il bronzo e alcuni osano persino creare le loro creazioni con il cioccolato. Ma per Nathan Sawaya il mezzo preferito è l'umile mattoncino LEGO. Tutto è iniziato due decenni fa, quando Sawaya lavorava come avvocato aziendale a New York. Alla ricerca di uno sbocco creativo dopo lunghe giornate di monotone scartoffie, ha pensato di usare il giocattolo della sua infanzia per creare opere d'arte.

Oggi, le coloratissime sculture LEGO di Sawaya sono un fenomeno globale. La sua acclamata mostra, "The Art of the Brick", ha conquistato 24 Paesi in sei diversi continenti.

La celebre mostra è ora tornata a Londra e non potrebbe essere ospitata in un luogo più adatto: l'iconica Brick Lane.

Dalle rivisitazioni di capolavori senza tempo come la "Monna Lisa" di Da Vinci e il "David" di Michelangelo, alle opere originali mozzafiato, la mostra vanta oltre 100 opere d'arte uniche costruite da circa 1 milione di singoli mattoncini.

Prima dell'inaugurazione della mostra, abbiamo avuto il piacere di incontrare Sawaya per parlare della sua storia d'amore con i LEGO.

Nathan Sawaya davanti alla mostra "Art of the Brick", presentata per la prima volta nel 2007 e da allora diventata un fenomeno internazionale.
Nathan Sawaya davanti alla mostra "Art of the Brick", presentata per la prima volta nel 2007 e da allora diventata un fenomeno internazionale.Credit: Nathan Sawaya/TheArtOfTheBrick

Euronews Cultura: Perché usa i LEGO?

Nathan Sawaya: Amo usare i mattoncini LEGO per una serie di motivi. Penso che siano un mezzo molto accessibile. Le persone possono entrare in contatto con quest'arte perché è fatta di qualcosa che conoscono bene. Ma mi piace anche usare i LEGO perché ci sono questi piccoli rettangoli fatti da angoli acuti, e si vedono tutti quando si osserva l'opera da vicino. Ma poi ci si allontana e tutti quegli angoli si fondono in curve. Questa è la magia dell'uso dei mattoncini LEGO.

Le persone possono entrare in contatto con quest'arte perché è fatta di qualcosa che conoscono bene.
Nathan Sawaya
Artista

Euronews: Ha avuto un cambio di carriera piuttosto drastico...

Sì, infatti. Facevo l'avvocato a New York. Ero un avvocato, lavoravo per un'azienda. Alla fine della giornata tornavo a casa e avevo bisogno di uno sfogo. C'è chi va in palestra a fine giornata, io invece volevo creare qualcosa. Così a volte disegnavo o dipingevo. Un giorno ho pensato: "Perché non usare questo giocattolo della mia infanzia? Potrei usare i mattoncini LEGO per creare arte". Alla fine ho lasciato lo studio legale per diventare un artista a tempo pieno.

C'è chi va in palestra a fine giornata, io invece volevo creare qualcosa. Così a volte disegnavo o dipingevo.
Nathan Sawaya
Artista
Scultura gigante di un dinosauro alla mostra 'Art of the Brick', a Londra
Scultura gigante di un dinosauro alla mostra 'Art of the Brick', a LondraCredit: Euronews Culture
'Giallo' di Nathan Sawaya, alla mostra 'The Art of the Brick' a Londra
'Giallo' di Nathan Sawaya, alla mostra 'The Art of the Brick' a LondraCredit: Euronews Culture

Euronews: Può parlarci del processo di creazione delle sue opere?

Sono state queste mani a creare tutto ciò che vedete in mostra, e il processo di creazione di queste sculture è lento. Quando lavoro a un'opera d'arte, incollo ogni singolo mattone. Ci vuole tempo e pazienza. E se commetto un errore, devo usare un martello e uno scalpello per smontare la scultura e poi ricostruire la sezione.

Euronews: Come decide cosa creare? Dove trova l'ispirazione?

La mia ispirazione proviene da molti luoghi diversi. Fortunatamente, avendo mostre e tournée in tutto il mondo, ho la possibilità di viaggiare molto. Ho la possibilità di incontrare nuove persone, di sperimentare culture diverse e di trarne ispirazione. Porto con me un piccolo blocco per gli schizzi, annoto le idee mentre sono in viaggio e mi vengono in mente nuove idee.

**Euronews:**È una coincidenza che questa mostra si svolga a Brick Lane?

Sì. È un'ottima cosa che la mostra sia qui a Brick Lane. Qualcuno potrebbe dire che è una coincidenza. Altri potrebbero dire che è una magia LEGO.

'L'Urlo' in mostra alla mostra 'The art of the brick'
'L'Urlo' in mostra alla mostra 'The art of the brick'Credit: Nathan Sawaya
Una scultura Lego in mostra alla mostra "The Art of the Brick" di Londra
Una scultura Lego in mostra alla mostra "The Art of the Brick" di LondraCredit: Euronews Culture

**Euronews:**Cosa pensa dell'IA nell'arte?

L'IA potrebbe essere un ottimo strumento per un artista. Personalmente non la uso ancora, ma credo che ci sia spazio per sperimentarla. Non ci sono regole per l'arte. Quindi tutto ciò che può creare nuova arte è qualcosa da esplorare.

Personalmente non uso ancora questo strumento, ma credo che ci sia spazio per sperimentare. Voglio dire, non credo che ci siano regole per l'arte. Quindi, tutto ciò che può creare nuova arte è qualcosa da esplorare.

PUBBLICITÀ

**Euronews:**Quanti mattoncini LEGO possiede?

Nel mio studio d'arte ho circa 10 milioni di mattoncini LEGO nel mio inventario. Quindi, in qualsiasi momento, ho abbastanza mattoncini da poter creare qualsiasi cosa io riesca a immaginare. Cerco di avere una gamma completa di colori, forme e dimensioni. Ordino circa un quarto di milione di mattoncini ogni mese. Quindi ho un bel po' di LEGO, sì...

**Euronews:**Infine, ha mai calpestato accidentalmente un LEGO mentre lavorava a una delle sue sculture?

Ne ho calpestati così tanti che ormai non li sento più!

"The Art of the Brick" si trova a Brick Lane, a Londra, fino al 12 maggio 2024.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Biennale di Venezia: Leone d'oro all'Australia e al collettivo Maori Mataaho

Quando l'impressione è diventata arte: ecco la mostra al museo d'Orsay di Parigi

World Nature Photography Awards 2024: guarda le foto premiate