Le gemme nascoste dell'Asia centrale al festival del cinema di Tashkent

Le gemme nascoste dell'Asia centrale al festival del cinema di Tashkent
Diritti d'autore euronews
Di Galina Polonskaya
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il premio per il miglior film è andato a "Sunday", pellicola del regista uzbeko Shokir Kholikov

PUBBLICITÀ

Il cinema dell'Asia centrale è stato sotto i riflettori della 15ª edizione del Tashkent International Film Festival, conosciuto come la perla della Via della Seta. Registi e attori di fama mondiale sono arrivati nella capitale dell'Uzbekistan per premiare i film e far conoscere il mondo del cinema alle nuove generazioni di cineasti.

"Questo festival riunisce registi provenienti da 52 Paesi all'insegna della pace, del progresso e dell'illuminazione: è un'iniziativa del nostro presidente - dice Firdavs Abdukhalikov, direttore del festival -. L'Uzbekistan è sempre stato il cuore della Grande Via della Seta. Era una sorta di melting pot dove c'era uno scambio di idee e di creatività, quindi questo festival serve a portare avanti queste tradizioni".

Gli studenti delle scuole di cinema di vari Paesi hanno partecipato al concorso "Cinema in 5 giorni": le squadre hanno avuto 5 giorni per produrre un cortometraggio utilizzando location in Uzbekistan. Ad aggiudicarsi il premio è stato il film "100 passi", proveniente dall'Azerbaigian.

"Non conoscevamo la città, non conoscevamo la lingua, è stato molto difficile - dice Yusif Gasimili, direttore della fotografia del film -. Ci siamo uniti come una squadra per superare gli ostacoli e ottenere il premio di oggi".

 Durante il festival sono state organizzate numerose masterclass con stelle di fama mondiale. Hassan Nazer, il cui film "Winners" è stato presentato agli Oscar, ha tenuto una lezione su come utilizzare gli attori non professionisti in un film. "È un rischio molto grande - dice Nazer - ma possono portare tanta creatività e autenticità nel film perché non recitano, ma fanno cose naturali".

Frederic Diefenthal e Samy Naceri, protagonisti del film "Taxi", ha condiviso la propria esperienza con i giovani attori. "Non dovete ascoltare nessuno - dice Naceri -. Né i tuoi genitori né i tuoi amici, devi seguire il tuo sogno fino in fondo"."Faccio il mio lavoro con il cuore - aggiunge Diefenthal -. Anche se formalmente è un lavoro e mi capita di girare di notte, ho la fortuna di poter dire che vado a giocare e non che vado a lavorare".

Il festival si è svolto nella nuova Città Eterna di Samarcanda. "Lo considero uno dei migliori festival perché dà spazio a film che difficilmente possono essere visti altrove - dice il regista Krzysztof Zanussi, presidente della giuria internazionale -. I film dell'Asia centrale semplicemente non sono disponibili in Europa, non li vediamo. Qui c'è l'opportunità di incontrare i creatori e vedere il loro lavoro".

La giuria ha assegnato il premio per il miglior film a "Sunday", pellicola del regista uzbeko Shokir Kholikov che racconta la storia di alcuni bambini che vogliono cambiare il loro mondo e dei loro genitori che sono felici di quello che hanno già. "In Asia Centrale ci sono ancora molti argomenti di cui non si è ancora parlato - dice Kholikov -. Questa è una buona opportunità per i giovani. Bisogna fare questi film finché c'è tempo. Abbiamo bisogno di fare film".

Condividi questo articolo