EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Arte: le inquietudini della generazione post-Maidan

Arte: le inquietudini della generazione post-Maidan
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le opere dei giovani artisti selezionati dal premio del PinchukArtCentre di Kiev, uno dei più grandi centri d'arte contemporanea dell'Europa orientale, raccontano i turbamenti di una generazione che si è formata negli anni del conflitto in Ucraina

PUBBLICITÀ

L'arte dei giovani ucraini dopo la rivoluzione di Maidan, di cui ricorre in questi giorni il sesto anniversario: il premio del PinchukArtCentre di Kiev, uno dei più grandi centri d'arte contemporanea dell'Europa orientale, mette in mostra le opere di venti artisti selezionati tra 1100 candidati, tutti under 35 come vuole il regolamento.

"Questa selezione rappresenta proprio la nuova generazione, che formerà l'Ucraina e la sua arte nei prossimi anni", dichiara la co-curatrice Alexandra Tryanova, "Sicuramente il conflitto in corso influenza fortemente i punti di vista, gli approcci e le creazioni dei nostri artisti".

Daniil Revkovskiy and Andriy Rachinskiy arrivano da Kharkiv, nell'est del Paese, teatro del conflitto fra esercito ucraino e truppe filorusse, scatenato dalle istanze separatiste nell'area, seguite all'annessione della Crimea da parte della Russia: la risposta del Cremlino ai rivoluzionari di Maidan.

"Questa guerra nell'Ucraina dell'Est è stata un'ombra, ha influenzato noi artisti, che ci formavamo all'inizio del 2015", dice Daniil, che con il collega ha esposto opere ispirate al mondo delle gang violente dei teenager che si combattono nelle strade della loro terra.

Veicoli d'arte sono il disegno, la scultura, il video. Dmytro Starusiev ha scelto la fotografia. Arriva anche lui dall'est, da Donetsk. "Penso che siamo ancora in cerca di noi stessi", dice, "Ognuno di noi ricerca un nuovo linguaggio. Stiamo provando a lavorare con il contesto locale, cercando di elaborare la guerra e la situazione politica, ma penso che non abbiamo ancora abbastanza parole".

Una commissione sceglierà tra i venti artisti il vincitore e assegnerà altri due premi speciali. Un quarto riconoscimento sarà il pubblico, che visiterà la mostra, a decidere a chi darlo.

La cerimonia si terrà a marzo. I giovani vinceranno premi in denaro e l'opportunità di fare degli stage presso gli atelier di artisti di fama mondiale. Le opere dei venti artisti rimarranno esposte fino a maggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il distretto culturale che trasforma lo spazio artistico di Abu Dhabi

Il Gamesummit 2024 prevede emozionanti gare e spettacoli e interessanti dibattiti sui videogiochi

"Tutto del Classic Violin Olympus è unico!": l’intervista a Pavel Vernikov