Quel manoscritto medievale da 4 milioni di euro...

Quel manoscritto medievale da 4 milioni di euro...
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Asta milionaria a Parigi: per 4 milioni e 290mila euro è stato venduto un manoscritto medievale "illuminato" con 16 medaglioni d'oro, realizzato nel 1495. Ignoto il compratore del volume. Che, sicuramente, maneggerà con cura.

PUBBLICITÀ

Un manoscritto del Medioevo ha raggiunto il prezzo record di 4 milioni e 290 mila euro: Il "Petau Book of Hours" - dal nome della famiglia Petau, primi proprietari del volume (in seguito appartenne anche alla famiglia Rotschild, per cui viene definito anche "Illuminated Petau-Rotschild's Hours") - è stato venduto all'asta da Drouot a Parigi, sabato, arrivando ad una cifra 6 volte superiore al valore stimato (base di partenza 700.000-900.000 euro). 

Scritto e illustrato più di 500 anni fa, intorno al 1495, il volume ha ricevuto la più alta offerta mai fatta in una vendita dedicata agli scritti medievali e rinascimentali.

Il manoscritto, scritto in latino, dipinti su pergamena e illustrato con 16 medaglioni d'oro del pittore francese Jean Poyer, nella sua bottega di Tours, fu probabilmente eseguito per un membro della famiglia reale francese.

Tra i clienti famosi di Poyer, all'epoca, anche Anna d'Inghilterra, sposa di due re francesi: prima Carlo VIII e poi Luigi XII. 

Gestita dal banditore ufficiale deciso dal tribunale, Claude Aguttes, la vendita non è passata inosservata, ovvio. Ma rimane ancora ignoto, finora, il compratore del prezioso manoscritto. **Lo maneggerà sicuramente con cura.

**

In effetti...maneggiare con cura (e con i guanti).

Il fallimento Aristophil

Fino al 20 giugno, in altre sette aste a Parigi, si prevede che verranno venduti 942 manoscritti, come tentativo di liquidare una raccolta di 130.000 opere d'arte e tesori letterari riuniti da Aristophil. Il gruppo, costituito nel 1990, che raccolse fondi da circa 18.000 investitori in cambio di una partecipazione ai pezzi.

Aristophil è fallito nel 2015, causando perdite per i suoi sostenitori, mentre il fondatore Gerard Lheritier è stato arrestato e messo sotto inchiesta per frode, un'accusa che lui nega.

Tra le opere all'asta, anche manoscritti moderni, quaderni di schizzi di Gauguin e Rodin e brani musicali scritti da Bach, Mozart e Chopin.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Irlanda, combattimenti medievali nel castello di Claregalway

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti

Andrey Gugnin vince il primo premio di 150.000 € al concorso internazionale Classic Piano 2024