Čajkovskij bis, e doppio trionfo, all'Opéra

In collaborazione con
Čajkovskij bis, e doppio trionfo, all'Opéra
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

All'Opéra di Parigi un balletto e un'opera nella stessa serata, come ai tempi del suo creatore, Čajkovskij.

Un genio musicale, due capolavori – un’opera e un balletto,in un solo spettacolo: è l’ambizioso programma che si è data l’Opéra di Parigi mettendo in scena nella stessa serata, come ai tempi della prima produzione (1892), l’opera Iolanta e il balletto “Lo schiaccianoci”, entrambi di Čajkovskij. E sin dall’inizio i personaggi dei due lavori si incrociano, stabilendo sottili legami, creando echi e rimandi.

“Iolanta” è la storia della principessa cieca, cresciuta nella convinzione che anche chi le sta intorno è non vedente: un trionfo della negazione che solo l’amore e l’intervento della scienza sconfiggeranno.

Il soprano bulgaro Sonya Yoncheva, ormai star confermata, incarna Iolanta. “Ho dovuto comprendere il suo mondo, perché come è possibile non conoscere la luce, i colori, gli oggetti, e arrivare a credere che tutti siano nella sua stessa condizione? Sono però riuscita ad amare questa ragazza perché è così pura, e vive in un mondo tutto suo, protetto.”

Per il direttore d’orchestra francese Alain Altinoglu “Čajkovskij è il più occidentale dei compositori russi. Parlava francese, italiano, e c‘è sicuramente un elemento occidentale in lui. Quel che è russo sono la sonorità, il modo di combinare i suoni nell’orchestra, l’attribuire i momenti lirici, commoventi ai violini, o la maniera in cui gli ottoni suonano insieme… sonorità e armonie utilizzate fanno sì che produca un suono veramente russo.”

“Questo è il mio primo ruolo ‘slavo’, sottolinea la Yoncheva, per cui ho scoperto certe sonorità che prima non conoscevo. Ho quasi la sensazione di essere a casa: praticamente la metà del cast viene da paesi ex sovietici, ed è per noi un enorme piacere scoprire di avere lo stesso senso dell’umorismo; ritrovo poi le parole che sentivo da bambina… lavorare in questa produzione è davvero come essere a casa!

“Non è una parte lunghissima, ammette, c‘è quindi la tentazione di strafare e cantare sopra l’orchestra, ma credo che bisogna sapersi dosare, e io farò del mio meglio coi mezzi che ho, i miei modestissimi mezzi…”, conclude, autoironica.

In questa produzione l’opera è inserita nella storia raccontata dal balletto, e fra i doni destinati alla giovane Marie, dunque, anche la rappresentazione di “Iolanta”.

“Alla fine dell’opera, precisa il Maestro Altinoglu, quando Iolanta ha ritrovato la vista e vede la luce, anche l’orchestrazione va in un certo senso verso la luce, ed è quel che si sente nell’Ouverture di “Schiaccianoci”: c‘è più chiarezza, e un elemento un po’ infantile… è a questa transizione che il direttore d’orchestra deve stare particolarmento attento.”

“Iolanta” insieme a “Lo schiaccianoci” vanno in scena all’Opéra di Parigi per tutto il mese di marzo sino al 1° aprile.

Per visionare alcuni momenti di questa originalissima produzione de “Lo schiaccianoci”, cliccate più in alto sulla finestra “Bonus”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Lo schiaccianoci" come non l'avete mai visto

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan

Al Festival di Salisburgo un concorso unico per aspiranti direttori d'orchestra