EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gran Premio dell'Orologeria di Ginevra 2023: 90 gli orologi in gara

Gran Premio dell'Orologeria di Ginevra 2023: 90 gli orologi in gara
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Cyril Fourneris
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I vincitori della 23esima edizione saranno annunciati il 9 novembre: 56 i marchi presenti quest'anno

PUBBLICITÀ

Il Gran Premio dell'Orologeria di Ginevra (Gphg) è uno degli eventi più attesi dai professionisti del settore orologiero e dagli appassionati. Dopo un tour internazionale, gli orologi nominati per uno dei venti premi del concorso sono finalmente esposti nella città svizzera. Più di 850 esperti in tutto il mondo partecipano al processo di selezione degli orologi meritevoli di una candidatura.

"L'accademia universale ci permette di dire che siamo imparziali e universali, visto che gli esperti provengono da tutto il mondo - dice Raymond Loretan, presidente del Gphg -.  Anche gli orologi selezionati provengono da tutto il mondo. Poi c'è un terzo principio, che è quello della solidarietà: è un appello a tutti i marchi a partecipare a questa grande festa dell'orologeria, che celebra l'eccellenza di tutte le professioni orologiere".

I vincitori della 23esima edizione saranno annunciati qui a Ginevra il 9 novembre: gli orologi in gara sono 90. Chopard è tra i marchi che sono distinti quest'anno. L'azienda, fondata a Ginevra nel 1860, ha già vinto il premio principale del Grand Prix nel 2017 con il suo L.U.C. Full strike.

Quest'anno sono quattro gli orologi di Chopard nominati, tra cui una riedizione in acciaio riciclato del primo modello della collezione L.U.C., acronimo del fondatore Louis-Ulysse Chopard. "Tra i nostri valori fondamentali ci sono sempre stati creazione e ricerca, ricerca di materiali totalmente nuovi per l'orologeria o la gioielleria - dice Caroline Scheufele, co-presidente di Chopard -. Chopard si concentra su estetica, innovazione e bellezza, senza essere necessariamente vistosi".

Sono 90 gli orologi che partecipano alla 23esima edizione del Grand Prix
Sono 90 gli orologi che partecipano alla 23esima edizione del Grand PrixEuronews

Chopard è rinomata per il suo virtuosismo nel campo della gioielleria. Il marchio, che produce le proprie leghe d'oro, ha adottato un approccio responsabile. Si impegna a utilizzare solo oro etico per i suoi orologi e gioielli.

"Abbiamo visto chiaramente un'evoluzione nella nostra clientela per quanto riguarda la sostenibilità: in negozio ci vengono fatte più domande, con differenze a seconda del mercato - dice Pauline Evequoz, responsabile della sostenibilità aziendale di Chopard -. Essendo un'azienda che promuove il proprio programma di sostenibilità è una nostra responsabilità coinvolgere i clienti, discutere con loro di questi temi per sensibilizzarli sulle loro scelte di consumo".

Al Grand Prix di quest'anno sono rappresentati 56 marchi. Sciaffusa, capitale dell'omonimo cantone svizzero al confine con la Germania, è la casa di Iwc, marchio noto per l'ingegneria e i materiali all'avanguardia, che partecipa al concorso con quattro modelli, tra cui due a calendario perpetuo: l'orologio da aviatore Lake Tahoe, con cassa in ceramica bianca, e l'elegante Portofino, che nasconde sotto il quadrante un gioiello di tecnologia orologiera.

La cerimonia di premiazione si terrà il 9 novembre a Ginevra
La cerimonia di premiazione si terrà il 9 novembre a GinevraEuronews

"Abbiamo sempre l'idea che tutto ciò che creiamo qui sopravviva al tempo - dice Christian Knoop, direttore creativo di Iwc -. Non ci riferiamo solo alla resistenza e alla longevità dei materiali e delle creazioni, ma anche al sogno di molti dei nostri clienti che acquistano prodotti destinati a durare per generazioni. Per me, i nostri calendari perpetui sono la perfetta espressione di questo sogno".

Iwc presenta anche due versioni molto attese di un modello iconico, l'Ingenieur, creato quasi cinquant'anni fa da Gerald Genta, leggenda del design orologiero. "Ogni nuova collezione si muove su una linea sottile tra passato e futuro - dice Knoop -. Rendiamo omaggio a ciò che rende Iwc ciò che è, tutto quello che in genere è associato al marchio, ma allo stesso tempo iniettiamo molte nuove idee e sorprendiamo i nostri clienti con delle innovazioni. L'idea di un design molto puro e ridotto, unito alla massima precisione e robustezza, è ancora alla base di molti degli orologi che abbiamo in portafoglio oggi".

Prima della cerimonia del 9 novembre il teatro del Lemano, sede del concorso, ospiterà diversi eventi per celebrare la storia dell'arte orologiera.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Baku Energy Forum si concentra su IA, crescita economica e transizione verso l'energia pulita

Alla conferenza in Azerbaigian si chiede una risposta internazionale congiunta per lo sminamento

Il presidente Aliyev esorta i Paesi produttori di petrolio a pagare di più per il clima