EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perché gli iPhone in Europa costano di più rispetto agli Stati Uniti?

Un acquirente confronta due modelli di iPhone 15 nel primo giorno di saldi in un Apple Store di Los Angeles, venerdì 22 settembre 2023.
Un acquirente confronta due modelli di iPhone 15 nel primo giorno di saldi in un Apple Store di Los Angeles, venerdì 22 settembre 2023. Diritti d'autore AP Photo/Jae C. Hong
Diritti d'autore AP Photo/Jae C. Hong
Di Eleanor Butler
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un cliente di Los Angeles risparmia 243,35 euro sull'acquisto dell'iPhone 15 Pro Max, rispetto a un acquirente francese. Ecco la spiegazione

PUBBLICITÀ

Se siete nell'Eurozona e volete acquistare un iPhone top di gamma, vi costerà di più rispetto agli acquirenti d'Oltreoceano. Convertito in euro, il prezzo visualizzato sul sito web statunitense di Apple parte da 1131,74 euro per l'iPhone 15 Pro Max, in vendita dallo scorso fine settimana

Si tratta di un prezzo più alto di circa il 9% rispetto alla versione dell'anno scorso, ma per i consumatori europei gli americani stanno probabilmente facendo un affare. Il prezzo nei negozi europei, infatti, benché vari da Paese a Paese, di solito è significativamente più alto rispetto agli Stati Uniti. In Francia l'iPhone 15 Pro Max parte da 1.479 euro, in Germania da 1.449 euro e in Italia da 1.489 euro.

Anche per quanto riguarda i telefoni meno costosi di Apple si nota un salto di prezzo. Negli Stati Uniti, l'iPhone 15 di base viene venduto all'equivalente di 754,18 euro. In Europa, il prezzo è di 969 euro in Francia, 949 euro in Germania e 979 euro in Italia.

Ma prima di prenotare la vostra prossima vacanza in America, è importante esaminare più da vicino queste cifre. Uno dei motivi principali dei prezzi più alti è che l'IVA è inclusa nelle cifre europee, mentre negli Stati Uniti viene aggiunta dopo l'acquisto.

Le aliquote fiscali dipendono dallo Stato federale in cui ci si trova, ma in genere si aggirano tra il 2,9% e il 7,25%. Se si volesse acquistare un iPhone 15 Pro Max a Washington, dove l'imposta sulle vendite è del 6%, alla cassa verrebbero addebitati 71,94 dollari (67,90 euro) in più.

A Los Angeles, dove l'imposta sulle vendite è particolarmente elevata, vi verrebbero addebitati 113,91 dollari (107,52 euro) in più. Quindi, tirando le somme, un cliente di Los Angeles risparmierà 239,74 euro sull'acquisto del telefono più costoso di Apple rispetto a un cliente francese. 

Ma il divario di prezzo tra gli Stati Uniti e l'UE non è un fenomeno esclusivo della nuova generazione di prodotti Apple. Quando nel 2017 è stato lanciato l'iPhone X, gli utenti di Twitter hanno scherzato sul fatto che sarebbe stato più conveniente volare negli Stati Uniti e acquistare il dispositivo, piuttosto che comprarlo in Europa.

A Twitter user reacts to the price of the iPhone X, 2017.

Ma se questa può essere una buona scusa per una vacanza, la realtà è un po' più complicata. Infatti, quando si rientra nell'UE con oggetti di valore, è obbligatorio pagare i dazi doganali.

Se viaggiate in aereo o in nave, dovete dichiarare le merci che superano i 430 euro, mentre per gli altri mezzi di trasporto la soglia è di 300 euro. Se doveste tornare in Francia in aereo dagli Stati Uniti, ad esempio, i dazi doganali sull'iPhone 15 Pro Max vi costerebbero oltre 200 euro. Comprendendo anche le spese di viaggio, non si risparmierebbe di certo.

In definitiva, la ragione dei prezzi più alti praticati da Apple in Europa non è del tutto chiara, ma non c'è nemmeno modo di evitarli. Affrontando la questione nel 2016, l'azienda aveva dichiarato di fissare i prezzi dei prodotti internazionali in base a una serie di fattori, come "i tassi di cambio, le leggi locali sull'importazione, le pratiche commerciali, le tasse e il costo dell'attività. Questi fattori variano da regione a regione e nel tempo, per cui i prezzi internazionali non sono sempre paragonabili ai prezzi al dettaglio suggeriti negli Stati Uniti".

Tuttavia, anche se Apple sta facendo pagare di più ai consumatori per coprire i costi operativi aggiuntivi, questo non sembra aver intaccato il successo dell'azienda. Gli iPhone rappresentano circa un quarto delle vendite di smartphone nell'UE, superati solo dai modelli Samsung.

Poiché in Europa l'inflazione rimane alta, resta da vedere se la base di consumatori notoriamente fedele ad Apple sarà pronta ad acquistare anche la nuova gamma di prodotti. Su scala globale, la società di investimenti Wedbush ha riferito che i preordini per la gamma iPhone 15 sono stati superiori del 10%-12% rispetto alle previsioni, il che potrebbe portare addirittura a una carenza di iPhone 15 Pro Max.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, vietate le vendite di iPhone 12. Lo smartphone emette troppe radiazioni

Smart speaker e baby monitor: quando la tecnologia nelle nostre case aiuta i maltrattatori domestici

Elezioni Francia, cosa cambia per l'economia se vince il Rassemblement national?