EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Forum economico di Bruxelles 2023: Dove è diretta l'Europa? Facciamo il punto

In collaborazione con The European Commission
Forum economico di Bruxelles 2023: Dove è diretta l'Europa? Facciamo il punto
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Bryan Carter
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In questa puntata di Real Economy, partecipiamo al Forum economico di Bruxelles per chiedere agli alti vertici europei come l'Unione possa definire le sue politiche digitali, verdi ed economiche, garantendo al contempo la protezione dei suoi lavoratori, delle sue industrie e dei suoi consumatori.

Con la guerra che imperversa in Ucraina, gli effetti del cambiamento climatico che si fanno sentire, la scarsità di risorse e la competizione globale per acquisirle, l'Europa si trova ad affrontare una moltitudine di sfide.

Ma nelle sue ultime previsioni economiche, la Commissione europea prevede un continuo rallentamento del tasso di inflazione dell'UE, che passerà dal 9,2% del 2022 al 6,4% di quest'anno e al 2,8% del prossimo.

Inoltre, dopo essere scesa dal 3,5% del 2022 allo 0,8% di quest'anno, la crescita del PIL dell'UE dovrebbe riprendere vigore e raggiungere l'1,6% nel 2024.

Parlando con Euronews al Forum economico di Bruxelles (BEF), l'evento economico annuale più importante della Commissione europea, il Commissario europeo per l'Economia ha dichiarato che questi dati generano un senso di cauto ottimismo.

"La situazione è migliore del previsto", ha dichiarato Paolo Gentiloni a Euronews. "Se guardiamo indietro a qualche mese fa, avevamo previsto una situazione molto peggiore, con qualche preoccupazione per l'approvvigionamento energetico, pensando anche a possibili blackout. E molta preoccupazione sulla possibilità di una recessione e di fallimenti".

Euronews
Paolo Gentiloni, Commissario europeo per l'EconomiaEuronews

Il BEF ha coinciso con la decisione della Banca Centrale Europea di aumentare nuovamente i tassi di interesse di riferimento, nel tentativo di frenare l'inflazione. Il Commissario Gentiloni ha dichiarato di non essere preoccupato per il potenziale impatto sulla crescita.

Dovremmo iniziare a raccogliere le entrate dai ceti che pagano molte meno tasse rispetto agli altri. E oggi,nel 2023, mi riferisco alle persone molto ricche
Gabriel Zucman
Economista dell'Università della California

Tuttavia, un altro recente sviluppo potrebbe essere fonte di preoccupazione per i posti di lavoro nell'UE e persino dare il via a una nuova legislazione: parliamo dell'intelligenza artificiale.

"Abbiamo bisogno di un insieme di regole. E noi dell'Unione europea siamo i maestri delle regole. Quindi sono abbastanza fiducioso che avremo buone regole anche sull'intelligenza artificiale", ha aggiunto Gentiloni.

La transizione verde e digitale dell'Europa

La digitalizzazione e le terribili conseguenze della crisi climatica sono due dei principali fattori che spingono la transizione economica dell'Europa. Per gli Stati membri significa maggiori investimenti nell'istruzione e nella formazione.

"Questa è probabilmente una delle sfide principali che abbiamo di fronte: come garantire che stiamo guidando queste transizioni, la doppia trasformazione digitale e verde, e che le stiamo guidando da un punto di vista tecnologico", ha spiegato Nadia Calviño, Ministro spagnolo per l'Economia e la Trasformazione Digitale.

Euronews
Nadia Calviño, Ministro dell'Economia e della Trasformazione Digitale della SpagnaEuronews

"E i settori che si stanno dimostrando più dinamici nella creazione di posti di lavoro sono legati alle nuove tecnologie, alle tecnologie dell'informazione, alla scienza, alla ricerca, alla salute... E questo dimostra che la trasformazione strutturale dell'economia spagnola è in corso".

"E stiamo investendo circa 4 miliardi di euro di fondi NextGenerationEU per sostenere un programma molto ambizioso di competenze digitali per garantire che le nostre scuole, le nostre università, ma anche gli anziani, abbiano accesso a quelle competenze che saranno essenziali", ha aggiunto la Calviño.

Affrontare le disuguaglianze sociali in Europa: Tassazione e spesa pubblica

Nonostante il tasso di disoccupazione nell'Unione europea sia solo del 6%, un quinto della popolazione europea è ancora a rischio di povertà o esclusione sociale.

La crisi del costo della vita e l'aumento delle disuguaglianze alimentano il malcontento sociale e la sfiducia nella politica.

Gabriel Zucman, professore di economia all'Università della California, Berkeley, ha dichiarato a Euronews che l'Europa deve ripensare le sue fonti di entrate pubbliche e iniziare a tassare i ricchi.

"Quasi tutti i ceti sociali dell'UE, e all'interno di ogni Stato membro, pagano molte tasse. Perché abbiamo un modello sociale che si basa su livelli significativi di tassazione. Questo vale per quasi tutti i ceti, con una sola grande eccezione: i veri ricchi", ha spiegato.

"Oggi c'è bisogno di entrate statali nel contesto di un debito pubblico elevato e di tassi di interesse in aumento. Dovremmo iniziare a raccogliere entrate da quella fetta di popolazione che paga significativamente meno tasse rispetto al resto . E questo - oggi, nel 2023 - significa le persone molto ricche".

È un appello condiviso dai sindacati europei, che sostengono che nuove fonti di entrate pubbliche sono un modo per aumentare la giustizia sociale. Un altro modo è la spesa pubblica.

"Le regole devono cambiare", ha dichiarato Liina Carr, segretario confederale della Confederazione europea dei sindacati. "Riteniamo che il mantenimento di un livello rigido di deficit del 3% non favorisca in alcun modo la spesa pubblica e gli investimenti, perché limita ancora le possibilità dei governi".

Euronews
Liina Carr, Segretario confederale della Confederazione europea dei sindacatiEuronews

"Si è anche discusso sul fatto che forse alcuni investimenti dovrebbero essere esclusi dalle regole sul debito e sul deficit, come gli investimenti nell'ecologia, nella digitalizzazione, nella sanità e nell'istruzione. Il tipo di investimenti che davvero sostengono l'economia e fanno sì che le economie rimangano forti", ha aggiunto.

Questo dibattito ha acquisito slancio nell'UE, soprattutto dopo la legge americana sulla riduzione dell'inflazione del 2022.

Con un massiccio stanziamento di 369 miliardi di dollari (334 miliardi di euro) per promuovere le tecnologie pulite negli Stati Uniti, l'Europa  teme di essere messa da parte nella transizione verde.

Ma secondo il presidente di Siemens, Jim Hagemann Snabe, l'Inflation Reduction Act americano potrebbe essere un'opportunità per le ambizioni industriali dell'Europa.

"L'Inflation Reduction Act per me è un catalizzatore di soluzioni sostenibili. E quindi, in questo senso, è positivo. L'Europa è stata la prima ad avere questa idea con il Green Deal e ora sta facendo un passo avanti", ha spiegato Hagemann Snabe.

"Penso che il mondo sia arrivato a un punto in cui abbiamo le tecnologie, sappiamo come ricostruire i sistemi energetici in modo che siano rinnovabili, come reinventare i sistemi di trasporto, come rendere gli edifici a zero emissioni".

Euronews
Jim Hagemann Snabe, Presidente di Siemens AGEuronews

"E questo è un catalizzatore per le aziende che investono di più, investono più velocemente e creano la base di cui abbiamo bisogno per creare e realizzare un futuro più sostenibile".

La corsa globale alle risorse

Tuttavia, la transizione verde e digitale dell'Europa si basa su materie prime critiche, come litio, cobalto e minerali rari, che in Europa scarseggiano. La Cina, invece, rappresenta l'86% dell'offerta queste materie.

In un periodo di crescenti tensioni geopolitiche, questa realtà sta modificando le relazioni commerciali dell'Europa, secondo il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis.

"È per questo che abbiamo proposto la strategia delle materie prime nell'UE per incrementare la produzione interna e avere anche forniture esterne", ha rivelato Dombrovskis.

"L'obiettivo per il 2030 è quello di ottenere il 10% dell'estrazione e dell'attività mineraria all'interno dell'UE. Ciò significa che il 90% dovrà comunque provenire dall'esterno dell'UE".

Euronews
Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo della Commissione europeaEuronews

"Ed è per questo che i partenariati con altri Paesi saranno molto importanti. Lo facciamo attraverso i capitoli relativi alle materie prime nei nostri accordi commerciali. Stiamo sviluppando partenariati bilaterali sulle materie prime con diversi Paesi".

L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia ci ricorda l'importanza di ridurre la dipendenza dalle forniture energetiche.

Tuttavia, con l'intensificarsi della crisi climatica, l'allineamento di questo obiettivo con la gestione sostenibile di risorse  carenti rimarrà una sfida importante negli anni a venire.

Condividi questo articolo