EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Von der Leyen in Croazia per il benvenuto in zona Schengen ed Eurozona

Andrej Plenkovic e Ursula von der Leyen a Zagabria
Andrej Plenkovic e Ursula von der Leyen a Zagabria Diritti d'autore Darko Bandic/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Darko Bandic/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Ádám Magyar
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La presidente della Commissione europea si è recata al valico di confine con la Slovenia insieme alla presidente del Paese vicino e al premier croato

PUBBLICITÀ

La presidente slovena Nataša Pirc Musar, il primo ministro croato Andrej Plenković e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si sono incontrati a Obrežje per celebrare l'ingresso della Croazia nella zona Schengen e nell'Eurozona. I tre hanno concordato sul fatto che questa è una giornata storica, che dovrebbe essere celebrata in tutta l'Unione europea.

"La prossima generazione di croati crescerà nell'area Schengen", ha dichiarato la presidente della Commissione. "Le persone potranno viaggiare liberamente, le attività commerciali non saranno ostacolate dai controlli e viaggiare senza problemi porterà risultati tangibili per coloro che vivono lungo il confine, che lavorano oltre confine o che hanno una famiglia da entrambi i lati del confine."

Il confine sloveno-croato è lungo 670 chilometri. La conferenza stampa si è tenuta nel punto più trafficato, a circa 10 chilometri da Zagabria. Nel 2019, prima della pandemia, sono state registrate 29 milioni di persone ai valichi di frontiera tra i due Paesi.

La Croazia, membro dell'Unione dal 2013, è il 27esimo Paese ad entrare a far parte della zona Schengen e il 20esimo ad adottare l'euro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Von der Leyen festeggia a Zagabria la Croazia in area Schengen

La Croazia dice addio alla vecchia valuta ed entra nell'area Euro

La Bce lascia invariati i tassi di interesse: il controllo dell'inflazione resta fondamentale