EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Settembre nero in Europa per il mercato dell'auto

Settembre nero in Europa per il mercato dell'auto
Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Industria automobilistica gravemente colpita dalla carenza di chip

PUBBLICITÀ

Crollano le vendite di auto in Europa a settembre. L’industria automobilistica globale è stata gravemente colpita dalla carenza di chip, componenti chiave per i veicoli: mancanza che ha costretto diversi marchi importanti a interrompere temporaneamente la produzione nelle fabbriche. Secondo l'Associazione europea dei costruttori di auto (Acea) a settembre la domanda di nuovi veicoli si è ridotta a 718.598 unità, il numero più basso di immatricolazioni per il mese di settembre dal 1995.

Le immatricolazioni di auto nuove sono diminuite del 23,1% a settembre 2021 rispetto allo scorso anno. Tutti i principali mercati dell'Unione europea sono in terreno negativo: -32.7% per l’ Italia, -25,7% per la Germania, -20,5% in Francia, -15,7% in Spagna.

Le auto moderne dipendono dai semiconduttori per i sistemi di frenata Abs, gli airbag, la tecnologia di assistenza al parcheggio. Per poter disporre dei microchip l’industria automobilistica ha dovuto competere anche con altri settori che ne fanno uso e che, specialmente durante la pandemia di Covid-19, hanno registrato un incremento della domanda, come quelli tecnologico ed elettronico, dal momento che le scelte dei consumatori si sono orientate principalmente su articoli come monitor extra per lo smart working, televisori e console di gioco. Queste tendenze, unite alla carenza delle forniture e alla chiusura degli stabilimenti, ha penalizzato in particolare il settore dell’auto

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parigi mette un freno ai suoi automobilisti. Limite di 30 km/h in tutta la città

Euro in ribasso dopo la vittoria della sinistra alle legislative francesi

L'Ue vuole imporre dazi doganali sui prodotti a basso costo veduti da piattaforme come Temu e Shein