EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Crescita debole nell'Eurozona

Crescita debole nell'Eurozona
Diritti d'autore 
Di Salvatore Falco
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Crescita debole nell'Eurozona. Il settore manifatturiero riporta condizioni più difficili, con la produzione in calo per il quarto mese consecutivo e la contrazione dei nuovi ordini per l'ottavo mese.

PUBBLICITÀ

Il tasso di crescita dell'eurozona rimane debole a maggio e la domanda risulta stagnante. L'indice composto, calcolato da Markit, è salito in un mese dello 0,1, a 51,6 punti.

Il settore manifatturiero riporta condizioni più difficili, con la produzione in calo per il quarto mese consecutivo e la contrazione dei nuovi ordini per l'ottavo mese, principalmente dovuta alla riduzione delle commesse estere.

Il settore terziario continua a crescere al tasso più debole da gennaio. Il flusso di commesse in entrata è stato il più basso dal 2014.

I valori fanno apparire il livello di crescita del secondo trimestre insignificante quanto quello del primo trimestre e tra i più bassi da metà 2013.

I DATI DI MARKIT

Nel dettaglio, l'indice Pmi servizi è sceso a 52,5 punti da 52,8 punti del mese scorso contro stime per una risalita a 53 punti, mentre l'indice manifatturiero è diminuito a 47,7 punti da 47,9 rispetto ad attese per un rialzo a 48,1 punti. La soglia dei 50 punti fa da spartiacque tra espansione e contrazione del ciclo.

In merito alle prospettive future, le aziende hanno tenuto sotto controllo le loro aspettative di crescita tra un anno, indicando il più basso ottimismo dal 2014.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'economia frena in Europa, Italia ancora nella palude

Eurozona: segno meno nel vecchio continente

Nvidia è la società con il più alto valore di Borsa al mondo