I primi 100 giorni in Belgio di Carles Puidgemont

I primi 100 giorni in Belgio di Carles Puidgemont
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'ex presidente catalano in esilio sembra essersi integrato bene nel suo paese d'accoglienza. Anche se rimane un mistero: chi paga per le sue spese?

PUBBLICITÀ

A cento giorni dal suo arrivo a Bruxelles, l'ex presidente catalano Carles Puigdemont fa ormai parte della tappezzeria. Lo si può trovare in particolare in due luoghi: lo Husa President Park Hotel, proprietà di una famiglia catalana, dove tiene le sue riunioni di lavoro e a volte occupa una suite; e la villetta da 550 metri quadri dove risiede - ironicamente - a Waterloo e il cui affitto ammonterebbe a 4.400 euro al mese.

Ma chi paga per tutto questo?

L'abbiamo chiesto al suo avvocato belga, Paul Bekaert, che è rimasto evasivo: "È un segreto professionale, naturalmente. Qualcuno mi paga, non è un problema", ha risposto.

In Belgio Puigdemont può contare su due figure fidate: uno è l'amico imprenditore catalano José Maria Matamala; l'altro è, per l'appunto il suo legale. Ma a sostenerlo c'è anche il partito nazionalista fiammingo.

Politico ipotizza 5 possibili "lavori" per Puigdemont in Belgio: corrispondente estero per un giornale; politico fiammingo; guardia forestale; venditore di patatine fritte; guru tecnologico

Ma l'ex leader catalano in cento giorni fino a che punto è riuscito a integrarsi in Belgio?

Uno youtuber belga ha cercato di capirlo.

Ma per ora** il suo fiammingo** è limitato a due espressioni chiave: "Grazie" e "prego"

Abbastanza perché i fiamminghi gli concedano, eccezionalmente, di parlare in francese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Waterloo di Puigdemont

"È finita, mi hanno sacrificato" Puigdemont getta la spugna

Catalogna: Puigdemont detta l'agenda anche a distanza