EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Con la Cina sulla Nuova Via della Seta

Con la Cina sulla Nuova Via della Seta
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al Forum Crans Montana di Barcellona si è discusso del macroprogetto di Pechino

PUBBLICITÀ

Uno dei progetti più ambiziosi al mondo è stato fra i temi trattati al Forum Crans Montana tenutosi a Barcellona. Centinaia di personalità del mondo politico ed economico hanno partecipato al dibattito sulla Nuova Via della Seta, un macroprogetto promosso nel 2013 dal presidente cinese Xi Jinping che punta a unire per via marittima e terrestre Asia, Africa ed Europa dando una nuova dimensione all’economia globale.

L’iniziativa coinvolge una sessantina di paesi che rappresentano il 60 per cento della popolazione e il 30 per cento del pil mondiale. Gli investitori, come Siddique Khan, amministratore delegato di Globalink Logistics, sollecitano i governi a creare un ambiente sicuro per poter distribuire i fondi: “Ci sono molte piccole economie lungo questo corridoio, ricche di risorse naturali, e anziché trasportare materie prime da queste economie, vedremo che grazie a questa nuova Via della Seta i produttori si avvicineranno alle materie prime e aiuteranno queste economie a creare valore aggiunto trasformando le loro materie prime in prodotti finiti”.

Molti dei paesi attraversati dal percorso avrebbero così l’opportunità di dare impulso a infrastrutture e trasporti. Il governo di Pechino ha promesso a maggio centoventiquattro miliardi di dollari d’investimenti. La domanda che sorge è in che modo queste alleanze fra governi e aziende private possano andare a vantaggio dei cittadini. Secondo Veronica Eragu, deputata ugandese, “Tutti i nostri leader, i parlamentari, gli organi di governo devono assicurarsi che i residenti siano consapevoli del partenariato con la Cina, e che traggano vantaggio da ogni centimetro che i cinesi stanno costruendo. E che debbano anche poter partecipare ed essere coinvolti nell’accordo, e nelle attività che saranno gestite dai cinesi”.

China’s $900 billion New Silk Road. What you need to know https://t.co/qN6NrSlX4i#amnc17pic.twitter.com/rZYhIpC2TD

— World Economic Forum (@wef) 10 luglio 2017

La Cina presenta la sua idea come un progetto di cooperazione basato sul partenariato e non sul confronto, ma la sua posizione come principale investitore suscita sospetti. Ma Hakima El Haite, inviata speciale della Cop22, è fiduciosa: “Penso che la Cina sarà costretta a rispettare i diritti umani, soprattutto gli aspetti riguardanti i salari dei lavoratori, i salari minimi eccetera. E penso anche che il coinvolgimento dell’Unione europea nel progetto sarà di grande aiuto e che l’Unione europea avrà il ruolo di una sorta di guardiano dei diritti umani”.

L’Unione è divisa sul progetto: a preoccupare alcuni paesi sono la mancanza di trasparenza e le lacune in ambito ambientale e sociale. Ma istituti come la Deutsche Bank hanno già impegnato più di due miliardi e mezzo di euro. Il ruolo dell’Europa, secondo alcuni, potrebbe uscirne rafforzato. Ne è convinto l’ex ministro della difesa lettone Artis Pabriks: “Decisamente, perché in questo momento gli Stati Uniti sono esitanti e più protezionisti, e questo crea un’ottima opportunità per il continente europeo, in collaborazione con Asia e Africa. Dovremmo cogliere quest’opportunità perché se gli Stati Uniti esitano, noi come europei ci troviamo automaticamente in prima linea”.

Governi e investitori privati a Barcellona hanno mostrato una grande disponibilità a collaborare. Ma la Nuova Via della Seta non vedrà la luce, secondo la data proposta da Pechino, prima del 2049.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Baku Energy Forum si concentra su IA, crescita economica e transizione verso l'energia pulita

Alla conferenza in Azerbaigian si chiede una risposta internazionale congiunta per lo sminamento

Il presidente Aliyev esorta i Paesi produttori di petrolio a pagare di più per il clima