EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Regno Unito, i dati sull'immigrazione irrompono nel dibattito sulla Brexit

Regno Unito, i dati sull'immigrazione irrompono nel dibattito sulla Brexit
Diritti d'autore 
Di Giacomo Segantini Agenzie:  Reuters, ONS
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A scaldare il dibattito sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione europea, a meno di un mese dal referendum, ci pensano le ultime cifre sull’immigrazione dell’ONS (l’Istat…

PUBBLICITÀ

A scaldare il dibattito sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione europea, a meno di un mese dal referendum, ci pensano le ultime cifre sull’immigrazione dell’ONS (l’Istat britannica). L’anno scorso il dato netto (cioè gli arrivi meno le partenze) ha toccato le 333 mila unità, un aumento del 6,4% rispetto al 2014. Tra quegli immigrati circa 184 mila provenivano da Paesi dell’unione.

The elected UK Government should have control over our immigration policy https://t.co/7RL5CgryBC#TakeControlpic.twitter.com/7RPpFhc35x

— Vote Leave (@vote_leave) 26 maggio 2016

Un risultato subito fatto proprio dai sostenitori della Brexit: “Da soli, potremo stabilire le politiche d’immigrazione in base ai bisogni della nostra economia”, dicono. Per un agricoltore dello Yorkshire che di questa economia fa parte, però, chiudere la porta ai lavoratori stranieri rappresenterebbe un danno: “Non riusciamo a trovare abbastanza manodopera locale”, racconta Guy Poskitts. “Ci sono tanti bravi lavoratori, ma non riusciamo a trovarne a sufficienza. Dobbiamo prendere europei e immigrati per occupare queste posizioni e soddisfare gli ordini”.

Net migration 333k yr to Dec 15, Immigration 630k, Emigration 297k similar to recent levels https://t.co/wc4RaLjg1vpic.twitter.com/jSwmQIJXYN

— ONS (@ONS) 26 maggio 2016

Come si evince dai cartelli in tre lingue, la maggioranza dei suo dipendenti viene dai Paesi baltici e dalla Polonia. Anche loro sono preoccupati: “Guardo il numero di lavoratori provenienti dall’Europa orientale che lavorano in queste fattorie e penso: se domani nessuno di loro si presentasse, non riuscirebbero a produrre nemmeno la metà del dovuto”, afferma Marika Rudik-Mis, operaia di origine estone. La fattoria ben esemplifica le tante aziende del settore agricolo, dei servizi e delle costruzioni che dipendono ampiamente da operai poco qualificati con un basso livello di retribuzione. Per mansioni che i cittadini britannici non vogliono più svolgere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Bce lascia invariati i tassi di interesse: il controllo dell'inflazione resta fondamentale

Il sentimento economico per la Germania scende più del previsto: ripresa a rischio?

Elezioni Francia, cosa cambia per l'economia se vince il Rassemblement national?